We are One: UDO & The Concert Band of the German Armed Forces [Recensione]

| |

Punto di riferimento della siderurgia metallica teutonica da oltre 40 anni, Udo Dirkschneider ha votato completamente la propria esistenza artistica alle sonorità del Dio del metallo. Sempre fedele alla linea, l’indomito piccolo uomo si è costruito una solidissima discografia (con e senza gli Accept), indirizzata agli spietati dell’heavy metal puro ed incontaminato. We are One è il suo nuovo lavoro.

A 68 anni il metal heart di Udo batte irreprensibile e costante, tanto da regalarci un lavoro affascinante e, completamente, riuscito realizzato con la Concert Band Of The German Armed Forces (The Musikkorps Der Bundeswehr), in cui il rock incontra l’orchestra. Progetti simili ne abbiamo già ascoltati ma qui trattasi di quindici nuove composizioni di altissimo valore, realizzate insieme al direttore d’orchestra Colonel Christoph Scheibling, con l’ausilio di due vecchi compagni d’avventura come Peter Baltes e Stefan Kaufmann. Nulla da togliere ai connazionali Blind Guardian, freschi di qualche mese fa dell’ambiziosissima (e fin troppo complessa…) opera ‘Legacy Of The Dark Lands’ ma Udo è riuscito a focalizzare la stesura in modo tale da rendere ‘We Are One’ estremamente fruibile, molto godibile e perché no anche spettacolare.

udo Dirkschneider we are one

Un sogno diventato realtà per l’ex Accept, anni di lavorazione per raggiungere un risultato inaspettato ma bellissimo, grazie alla perfetta coesione della sua band con un’orchestra di ben 60 elementi. Arrangiamenti pazzeschi fanno da cornice ad una scrittura priva di cali, che entusiasma per il forte trasporto (a tratti epico) emotivo che ‘We Are One’ riesce a trasmettere all’ascoltatore. Un album del genere deve essere apprezzato e gustato interamente, è inutile citare il titolo di qualche traccia ma una cosa è certa: gloria perpetua a Udo.

Stefano Giacometti

Tracklist di We are One, di Udo Dirkschneider

  • 01. Pandemonium
  • 02. We Are One
  • 03. Love And Sin
  • 04. Future Is The Reason Why
  • 05. Children Of The World
  • 06. Blindfold (The Last Defender)
  • 07. Blackout
  • 08. Mother Earth
  • 09. Rebel Town
  • 10. Natural Forces
  • 11. Neon Diamond
  • 12. Beyond Gravity
  • 13. Here We Go Again
  • 14. We Strike Back
  • 15. Beyond Good And Evil
Previous

Charles Dickens, 150 anni dopo

Sezione Nuove Impronte: i corti in gara al ShorTS International Film Festival

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial