Naufrago, il primo singolo di Revif

| | ,

Il mondo della musica non si ferma mai, per fortuna aggiungerei. Lo dimostrano i tanti artisti che ci stanno facendo compagnia, ora più che mai, con nuove uscite, cover, concerti da casa. Oggi parliamo di Naufrago il primo singolo dell’artista romano Revif, distribuito da The Orchard.

Naufrago lancia il nuovo progetto di Alessandro Cavarra che cerca di far confluire influenze dream pop e new wave in un sound dal gusto indie pop, nel solco di Phoenix, DIIV, Craft Spells o dei grandi classici di Tears for Fears e New Order.

Ritrovarsi per perdersi insieme

In un momento in cui risulta così difficile riuscire a comunicare, il testo di Naufrago è perfettamente in tema con il concetto dell’incomunicabilità, delinea un percorso emotivo che tocca contemporaneamente anche i temi dell’amore e della solitudine. Il desiderio di ritrovarsi senza perdersi, cercando di tornare di nuovo vicini.

Comunicare con se stessi pensavo fosse più semplice

un’odissea cosmica tra le isole dell’anima

non chiamarsi con il proprio nome ti rende un naufrago      

che non vuole annegare

vorrei ritrovarmi, vorrei tu non cambiassi mai, vorrei navigare con te 

oltre il mare

perdersi, perdersi insieme, mi senti?

Naufrago, Revif
Naufrago, il primo singolo di Revif 1

Chi è Revif?

Revif è Alessandro Cavarra, musicista e cantante di Roma, formatosi sui dischi indie rock, new wave e britpop.
Dopo due singoli con i Khloe, nel 2016 pubblica con gli Egeeo un Ep omonimo, co-prodotto con la Costello’s Records e dalle sonorità dream pop e post punk.
Revif è il suo progetto da solista e prende il nome dalla parola francese per rinascita. Naufrago è il suo primo singolo e mostra lo spirito naif e introspettivo dell’artista.

La traccia è stata registrata insieme a Fabio Grande (I Quartieri) e Pietro Paroletti (Mai Stato Altrove), il testo è stato scritto di getto e Revif racconta il messaggio del brano:
“Non possiamo pretendere di essere sempre consonanti con gli altri, anche con le persone che amiamo. Siamo quindi costretti, come un naufrago, a cominciare la nostra odissea emotiva“.

Il singolo è ora disponibile sulle piattaforme:

Previous

Fiona Apple: perché Fetch the Bolt Cutters NON è un capolavoro

Luigi Tenco e la libertà mai avuta

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial