Carla Bruni al Teatro del Verme a Milano, 6 luglio 2024: photogallery

| |

Carla Bruni si è esibita all’interno della rassegna estiva Worm Up! del Teatro del Verme a Milano, durante il caldissimo weekend del voto francese. Domani 8 luglio, la rassegna vedrà Hania Rani.

Photogallery di Massimiliano Di Stefano (@project_photo.it).

Carla Bruni, nata il 23 dicembre 1967 a Torino, Italia, ha percorso un cammino artistico straordinario, passando dalle passerelle della moda alla scena musicale internazionale con una naturalezza e un’eleganza invidiabili. La sua carriera musicale inizia nel 2002 con “Quelqu’un m’a dit“, un debutto che ha lasciato un’impronta indelebile nel panorama musicale. Prodotto da Louis Bertignac, questo album è una raccolta di canzoni intime e poetiche, che ha affascinato pubblico e critica, vendendo oltre due milioni di copie. Le melodie acustiche e i testi riflessivi di Bruni creano un’atmosfera di rara bellezza e autenticità.

Il 2007 vede l’uscita di “No Promises“, un audace passo verso un repertorio in lingua inglese. Basato su poesie di autori illustri come William Butler Yeats e Emily Dickinson, questo album è un viaggio attraverso paesaggi sonori raffinati e profondi. La voce di Bruni, capace di trasmettere un’ampia gamma di emozioni, conferma la sua versatilità artistica.

Nel 2008, Bruni pubblica “Comme si de rien n’était“, un album che rispecchia il suo percorso personale e la sua nuova vita accanto a Nicolas Sarkozy, allora presidente francese. Le canzoni di questo lavoro oscillano tra delicatezza e introspezione, esplorando temi di amore, vita e politica con una maturità sorprendente. Le influenze folk e rock arricchiscono il tessuto sonoro, rendendo l’ascolto un’esperienza coinvolgente.

Little French Songs” del 2013 è un altro gioiello nella discografia di Bruni. Questo album, che mescola brani in francese e inglese, dimostra la sua abilità nel creare melodie che risuonano con leggerezza e profondità. Le influenze jazz e popolare francese emergono con eleganza, e ogni traccia è un piccolo capolavoro di narrazione musicale.

Nel 2017, con “French Touch“, Carla Bruni offre reinterpretazioni di grandi classici internazionali, da The Rolling Stones ad AC/DC. Le cover, reinterpretate con il suo stile unico, rivelano una nuova dimensione delle canzoni originali, arricchendole con una sensibilità francese che le rende fresche e affascinanti.

Il 2020 segna il ritorno alle radici acustiche con l’album omonimo “Carla Bruni”.

Carla Bruni, con la sua capacità di reinventarsi e mantenere una coerenza artistica, continua a ispirare e affascinare. La sua musica, elegante e profonda, rimane una testimonianza del suo straordinario talento e della sua sensibilità unica, confermandola come una delle voci più distintive del panorama musicale contemporaneo.

Previous

Zucchero a San Siro, 4 luglio 2024: photogallery

Il VOLO al Marostica Summer Festival Wolksbank – Photogallery

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial