Gotthard, #13: recensione

| | ,

#13 è, per l’appunto, il tredicesimo album degli svizzeri Gotthard, anticipato dal singolo Missteria.

Dobbiamo tanto ai cugini d’Oltralpe, se non altro per aver mantenuto vivo il sacro fuoco del classic rock. Chi ama queste sonorità ha seguito con affetto il gruppo di Lugano, che ha saputo nel corso degli anni rinfrescare il classic rock con album frizzanti, regalandoci tante belle canzoni, sia nel periodo guidati dallo sfortunato Steve Lee (r.i.p.) che con Nic Maeder dietro al microfono. Il leader storico Leo Leoni ha saputo mantenere alti gli standard dei Gotthard, cosa che purtroppo non si è ripetuta con ‘#13’. Un album ineccepibile sotto il profilo formale, supportato da una produzione professionale, a cui però manca lo spunto vincente: a parte le ballad, interpretate con una buona dose di feeling da Maeder, a venire meno sono i brani che dovrebbero colpire (se non stendere) gli ascoltatori. I brani scorrono ma non lasciano il segno, non graffiano, il tutto suona troppo lineare e gli stessi ritornelli non sembrano convincere a pieno. Un qualsiasi album di hard rock non può permettersi di avere i primi quattro brani in apertura molli, privi di mordente, per arrivare al rifacimento di ‘S.O.S.’ dei divini Abba in versione hard blues, svuotata dal flavour corale e della sua leggerezza. Le cose migliori ce le riserva la seconda parte, con il blues di ‘Man On A Mission’ (Whitesnake di metà era di ‘Come An’ Get It’), oppure con l’hardeggiante ‘No Time To Cry’ ricamata con un suggestivo arrangiamento ad archi. La sufficienza è strappata per la classe e la bontà dei musicisti, certo è che dai Gotthard dobbiamo attenderci qualcosa di più, a partire dalla prossima release.

Stefano Giacometti

Tracklist e Artwork di #13 dei Gotthard (Nuclear Blast)

gotthard #13 recensione
  • 01. Bad News            
  • 02. Every Time I Die            
  • 03. Missteria 
  • 04. 10.000 Faces       
  • 05. S.O.S       
  • 06. Another Last Time          
  • 07. Better Than Love            
  • 08. Save The Date     
  • 09. Marry You           
  • 10. Man On A Mission         
  • 11. No Time To Cry 
  • 12. I Can Say I’m Sorry         
  • 13. Rescue Me
Previous

Brunori Sas, aggiornato il calendario del tour 2020

Mavi Phoenix, Boys Toys: un personaggio fondamentale per il nostro tempo

Next

Lascia un commento