Lorna Shore – Immortal [Recensione]

| | ,

Uscirà il 30 gennaio 2020 per la Century Media il nuovo album dei Lorna Shore, “Immortal” a distanza di tre anni del precedente lavoro “Flesh Coffin”. Una band influenzata da diversi generi, dal Melodic Black Metal dei Dimmu Borgir fino al tech-death metal di band come Obscura e Necrophagist

Con i Lorna Shore mi sono posto la seguente domanda, un grande classico: consiglierei mai questa band a qualcuno? Quasi. Quel “quasi” lo capirete a fine articolo, quando cercherò di farvi “sentire” la band. Ora, per prima cosa dovete immaginare da una parte il Melodic Black Metal mentre dall’altra immaginate quel Deathcore vecchio stile influenzato, e anche tanto, dal del buon tech-death.

Questo vi serve a capire il genere della band. L’album dei Lorna Shore infatti l’unione (neanche troppo lavorata) dei due generi nominati in precedenza, e possiamo notarlo in tutte le canzoni di questo “Immortal”. L’impressione è che questo album sia nato da altri due album, uno Melodic Black Metal e l’altro Deathcore/tech-death, per poi prendere qualcosa da ognuno dei due album e crearne un solo album. Ed ecco che quindi funzionano solo certe canzoni, mentre altre cadono nell’oblio dell’azzardo non riuscito.

Lorna Shore

La strofa Melodic Black e il ritornello Deathcore/tech-death e viceversa con l’aggiunta di qualche breakdown qua e là. Questa formula in certe canzoni funziona, come nella prima traccia nonché title-track “Immortal” o come “Warpath Of Disease”, mentre l’esperimento non funziona affatto in canzoni come “Darkest Spawn”. Quindi io questo album lo consiglieri a seconda delle canzoni.

Prenderei tutte quelle canzoni, o parti di canzoni che riportano al Melodic Black Metal e le farei ascoltare ai blackster, stessa cosa nel caso delle canzoni o parti di esse che riportano al deathcore/tech-death. L’idea c’è, e anche la voglia magari di portare “qualcosa di nuovo” ma a modo loro, ma i Lorna Shore, almeno in questo lavoro hanno fallito l’obiettivo.

TRACKLIST:

  1. Immortal
  2. Death Portrait
  3. This Is Hell
  4. Hollow Sentence
  5. Warpath Of Disease
  6. Misery System
  7. Obsession
  8. King Ov Deception
  9. Darkest Spawn
  10. Relentless Torment
Lorna Shore – Immortal [Recensione] 1
Previous

Sanremo 2020: la vittoria di Achille Lauro

Anti-Flag: 20/20 Vision [Recensione]

Next

Lascia un commento