Steel Panther – Heavy Metal Rules [ Recensione ]

| | ,

Gli Steel Panther tornano con un nuovo album. Un album dello stesso livello del suo precedessore, stesso numero di canzoni che possono essere apprezzate, stesso numero di canzoni che vorrei che venissero dimenticate dalla band.

Se dovessimo mettere su un grafico gli album degli Steel Panther la situazione sarebbe la seguente: Feel the Steel verrebbe piazzato nel punto più alto del grafico, ma subito dopo si dovrà piazzare Balls Out nel punto più basso del grafico. Per finire avremo tre album ( All You Can Eat, Lower the Bar e quest’ultimo lavoro Heavy Metal Rules ), “costanti”. Anche con questi tre album, se andassimo più nel dettaglio si potrebbe fare lo stesso discorso del grafico. Quindi avremo il primo dei tre album molto in alto sul grafico, il secondo andrebbe in negativo, per poi vedere, di poco, in positivo l’ultimo dei tre.

Questo Heavy Metal Rules, non è tanto diverso da Lower the Bar, si salvano pochissime, mediocri, tracce, mentre altre sono completamente anonime. Il premio di traccia “migliore delle migliori”, lo vince sicuramente “Gods of Pussy”, ultima traccia rilasciata prima dell’uscita dell’album. Una traccia che, anche se molto “ripetitiva”, non ne da completamente l’impressione, a differenza delle altre.

Una delle tante delusioni di questo album è sicuramente il fatto che le due ballad presenti nel disco, “Always Gonna Be a Ho” e “I Ain’t Buying What You’re Selling” non siano quelle ballad alla Steel Panther, di quelle che riuscivano a “salvarsi” dalla mediocrità dell’album come fu per “That’sWhen You Came In” in Lower the Bar.

Sembra che gli Steel Panther stiano “vivendo” solo delle solite canzoni piene di riferimenti sessuali e dell’imitare quelle che erano le band negli anni ’80 ( principalmente band Hair Metal ). Sembrano aver “smesso di capire” che anche se si è una parodia, serve una cosa chiamata “fantasia”, cosa che sembrano aver perso.

Sono lontani i tempi di Feel the Steel e All You Can Eat ( almeno per quelle tracce che si riuscirono a salvare )

TRACKLIST

  1. Zebraman
  2. All I Wanna Do Is Fuck ( Myself Tonight )
  3. Let’s Get High Tonight
  4. Always Gonna Be a Ho
  5. I’m Not Your Bitch
  6. Fuck Everybody
  7. Heavy Metal Rules
  8. Sneaky Little Bitch
  9. Gods of Pussy
  10. I Ain’t Buying What You’re Selling
Steel Panther – Heavy Metal Rules [ Recensione ] 1
Steel Panther – Heavy Metal Rules [ Recensione ] 2
Previous

Farmacia, il singolo del ritorno di Frah Quintale

Il potere dell’ironia di Enrico Baj: mostra ellenicamente eretica

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial