Adriatic Film Festival, si alza il sipario sulla quarta edizione: tra il ricordo a Libero De Rienzo e il premio alla carriera a Valeria Solarino

| |

E’ partita, nella giornata di ieri, la quarta edizione dell’Adriatic Film Festival, che anche quest’anno si manifesta un palcoscenico privilegiato per scoprire e conoscere nuovi autori e tendenze del cinema nazionale ed internazionale. 

Come nelle precedenti edizioni, l’Audutorium Palazzo Sirena di Francavilla al mare è stata la suggestiva cornice di uno degli eventi più interessanti della costa adriatica a livello nazionale. Una giornata partita alle ore 17 con la proiezione dei primi 8 cortometraggi e documentari in concorso e con l’intervento in sala di Carlo Liberatore, il direttore del Sulmona Inrernational Film Festival, intervenuto in occasione della proiezione di “The Game”, diretto da Roman Hodel. 

Ma, la prima giornata dell’Adriatic Film Festival è stata all’insegna anche del ricordo a Libero De Rienzo con la proiezione di Smetto Quando Voglio, il primo capitolo della travolgente comedy-saga di Sydney Sibilla, dove l’attore, prematuramente scomparso all’età di 44 anni, interpreta un economista che cerca di applicare al poker le sue straordinarie abilità nel calcolo matematico, con conseguenze nefaste. 

Inutile dire che quello proiettato è stato uno dei migliori film italiani degli ultimi dieci anni. Una commedia convincente su un tema spesso abusato, quello del precariato, e qui declinato nella variante universitaria, costruendoci su una classica storia da “colpo grosso” alla Breaking Bad italianizzata. Un’idea nata dal regista e sceneggiatore che – come racconta Valeria Solarino alla platea – quando ha saputo che due netturbini romani, parlano delle loro esperienze, si sono resi conti di essersi laureti entrambi in Filosofia. 

La proiezione del film, datato nel 2014, è stata della stessa attrice, guest star in questa prima edizione dell’Adriatic Film Festival. Valeria, infatti, ha suggerito la proiezione delle rocambolesche avventure di questi giovani ricercatori universitari per ricordare la memoria di un attore che ha lasciato tanto al panorama cinematografico italiano, un interprete sensibile e appassionato, accarezzando tutto le sue sfumature di malinconia ed ironia.

Perché si sa, il miglior modo per ricordare un attore come Libero De Rienzo è attraverso il suo insaziabile talento che l’ha visto protagonista assoluto, con le sue indiscutibili doti interpretative, di film che hanno scritto la storia del nostro cinema contemporaneo. 

Adriatic Film Festival, si alza il sipario sulla quarta edizione: tra il ricordo a Libero De Rienzo e il premio alla carriera a Valeria Solarino
Adriatic Film Festival, si alza il sipario sulla quarta edizione: tra il ricordo a Libero De Rienzo e il premio alla carriera a Valeria Solarino

Al termine della proiezione, infine, è stato consegnato a Valeria Solarino l’Adriatic Special Awards, il premio speciale alla carriera per le sue indubbie qualità recitative, capace di trascinare lo spettatore all’interno delle intense storie delle protagoniste nei film che interpreta. Un’attrice vicina ai temi sociali caldi, infatti, proprio sul palco dell’Adriatico Film Festival si è parlato di legge Zan e come si clamoroso il fatto che, per tutelare un diritto, ci siamo bisogno di una legge. 

Valeria Solarino, inoltre, ha confessato ai microfoni di Francesco Di Brigida di avere in cantiere un nuovo monologo teatrale, Gerico Innocenza Rosa. La tournée partirà dal prossimo autunno e sarà un intenso mongolo sull’identità di genere, già presentato in chiusura dell’undicesima edizione del “WeWorld Festival”. Un Festival dedicato all’empowerment femminile, alla condizione delle donne e agli stereotipi, di ieri e di oggi.

L’appuntamento con la seconda giornata dell’Adriatic Film Festival è oggi, dove tra gli ospiti ci sarà l’attore e doppiatore Maurizio Lombardi con il film School of Mafia. L’evento è organizzato dall’associazione Adriatic Movie di Guido Casale, direttore artistico e i co-organizzatori Luana Fusco, Daniele Forcucci, Vanessa Patanè e Laura Perrotti.

Il pregio della manifestazione è quello di avere come obiettivo quello di diffondere la cultura cinematografica valorizzando il territorio abruzzese attraverso eventi culturali di respiro nazionale e internazionale. Per chi ama il cinema, è il miglior evento dell’estate francavillese. 

Isabella Insolia
Previous

Aphelion, Leprous: recensione

Chadwick Boseman, un anno dopo la sua morte

Next

Un commento su “Adriatic Film Festival, si alza il sipario sulla quarta edizione: tra il ricordo a Libero De Rienzo e il premio alla carriera a Valeria Solarino”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial