Alla fine del sogno, l’addio definitivo de I Cani?

| | ,

Stanotte è uscito a sorpresa un “nuovo” inedito de I Cani su SoundCloud, la stessa piattaforma da cui tutto ebbe inizio ormai dieci anni fa: stavolta Niccolò Contessa è arrivato davvero “alla fine del sogno”?

A due anni da “Nascosta in piena vista“, questa notte è arrivato come un fulmine a ciel sereno un “nuovo” pezzo de I Cani. Purtroppo, però, accanto al titolo del brano – “Alla fine del sogno” – quel “demo” tra le parentesi lascia intuire che si tratti “soltanto” di una traccia rimasta fuori da uno dei tre dischi pubblicati da Niccolò Contessa, molto probabilmente proprio “Il sorprendente album d’esordio de I Cani“.

La scelta di non rilasciare la canzone su Spotify e/o YouTube, bensì su SoundCloud non sembra essere affatto casuale: è proprio lì che nell’ormai lontano 2010 Contessa caricò “I pariolini di diciott’anni” e “Wes Anderson“, divenuti cult in pochissimo tempo sul web grazie al semplice passaparola tra ascoltatori e curiosi, richiamando hype attorno al suo misterioso progetto e aprendo di fatto all’indie la porta del mainstream.

Eccomi, sono arrivato al termine anche questa volta / sono alla fine, sto per toccare il fondo“, è con queste struggenti parole che, tra drum machine e sintetizzatori, Niccolò alza il sipario sull’inedito, sembrando quasi voler tirare le somme alla fine di un percorso, anzi “alla fine del sogno” appunto. Tanti, troppi gli indizi che portano a una sorta di “canto del cigno”, perfetta chiusura del cerchio aperto dieci anni fa.

In questi anni di silenzio con I Cani – l’ultimo prodotto discografico “Aurora” risale al 2016 – Contessa ha composto le colonne sonore per i film “La felicità è un sistema complesso” e “Troppa grazia” di Gianni Zanasi e “I predatori” di Pietro Castellitto. Niccolò, inoltre, ha prodotto”Faccio un casino” ed “È sempre bello” di Coez, “Fantasia” dei Testaintasca, “Merce funebre” di Tutti Fenomeni e adesso collabora con Esseho, artista emergente romano.

Le speranze per la pubblicazione dell’attesissimo quarto album de I Cani sono ridotte al lumicino e molto probabilmente resteranno vane per sempre, ma almeno per poco, almeno per oggi i fan possono consolarsi con questa piccola “novità”.

Lorenzo Scuotto
Previous

Timothée Chalamet – compie 25 anni la stella più promettente del cinema

Soul, il senso della vita: recensione

Next

Un commento su “Alla fine del sogno, l’addio definitivo de I Cani?”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial