Wallis Bird e Hands: intervista

| |

È agrodolce a dirsi, ma è sempre una sorpresa quando le persone sconosciute si scoprono esser gentili gentili. Quando hai l’opportunità di parlare con un artista, soprattutto se lo fai con difficoltà tecniche e seduto sulle scale dell’università, non ti aspetti che le persone siano sinceramente interessate a quello che stai facendo, a come tu stia spendendo la tua estate, se ti piace studiare comunicazione o meno.

Era solo un piccolo accenno alla persona calda e gentile che è Wallis Bird.
Ho avuto la possibilità di fare due chiacchiere con lei dopo l’uscita del suo settimo album, “Hands“, uscito il 27 maggio dopo una routine di lavoro continua per più di due mesi per renderlo perfetto.

Ecco perché l’album è fantastico e anche perché Bird ha ricevuto la mia chiamata con una tazza di caffè in campagna dove si sta riprendendo – un po’ di meritato riposo.

Vorrei iniziare e rompere il ghiaccio: come ti presenteresti ai nostri lettori?
Sono un musicista multistrumentista, produttore e ho appena finito il mio settimo album. Ho un bel po’ di dischi e anche uno dal vivo: il mio genere comprende pop, rock, folk, soul, jazz… Ma è tutto naturale. Amo suonare gli strumenti, la natura, il mio modo di scrivere è influenzato dalle mie relazioni e dalle persone che amo. Negli ultimi dischi sono passata alla narrazione della mia esperienza con la politica e delle strutture sociali.


Questo album è un po’ diverso rispetto al precedente. Questa volta ti concentri su te stessa e non sul resto del mondo, è stato più facile o più difficile per te?


Penso che la maggior parte delle persone pensi che questo sia un record davvero personale, ma penso che sia personale per le altre persone in realtà. Canto della mia rinuncia all’alcol e del mio rapporto con il sesso, e questa sarebbe sicuramente la cosa più personale di me, ma penso che il disco parli di noi e di come stiamo affrontando gli ultimi due anni (dal 2019 a 2021). Molte persone dicono che è il mio disco più personale, ma penso che sia così perché parla in faccia a molte persone e penso che sia ciò che la maggior parte delle persone trova più intimo. Non riguarda solo me, è solo riconoscibile per le persone dopo questi ultimi anni ed è da lì che viene il sentore universale.


È molto simpatetico, lo è davvero. Sono entrato in empatia con molti dei testi.


Fantastico, è anche molto universale. Va a un livello più profondo del semplice cantare della mia esperienza. Se spingi un po’ oltre il testo e tendi ad andare da qualche parte più in profondità nella persona, questo è un modo più rapido per dire la cosa più profonda.


Un altro modo per riferirsi al tuo album è “Nove canzoni e mezzo per nove dita e mezzo”, che penso sia molto orecchiabile. Ho apprezzato il fatto che ti sforzi per ottenere dell’autenticità in un mondo così concentrato sull’apparire perfetto senza mostrare i presunti limiti di se stessi. Com’è stata per te questa esperienza? È sempre stata una sfida o sei stato supportata dal tuo team, dalla tua famiglia, dai tuoi amici?


È una bella domanda. È difficile essere autentici, perché devi apparire vulnerabile. Tanto per cominciare, anche quando faccio interviste, non importa come sembro. Penso che l’aspetto personale sia dove ti trovi in ​​questo momento: dice molto su dove sei, come ti senti, come è la tua salute. Amo i social media quando sono stanco o mi annoio, tendo a prendere la vita esattamente com’è. Ovviamente, come performer, quando fai dei live vuoi mostrare il lato migliore di te stesso, ci sono sempre cose performative che facciamo, ma in generale trovo che ci siano molti dettagli in qualcuno che sta soffrendo e se lo nascondi … Sono una persona molto positiva in generale, ma amo l’oscurità. Mi piace essere il più possibile nel momento senza nascondermi. Molte persone vedono la mia positività come qualcosa di piuttosto debole e io la trovo sempre molto scorretta. È più difficile vedere il mondo sotto una luce positiva che sentirsi depressi tutto il tempo. Ci vuole molto lavoro per essere me stesso, per essere di mentalità aperta e gentile, perché sono una persona appassionata, ma cerco di mantenere la mia passione a livelli controllati in modo da poter lavorare ed esprimermi o ascoltare correttamente. La persona che sono cerca sempre, lavora, ma non ha paura di mostrare che mi sto sforzando e lavorando per essere una persona più rilassata ed equilibrata.

Ci vuole lavoro per essere la persona che sei!

wallis bird intervista

Questa è anche una delle cose più belle del tuo album: che è stato realizzato in quegli anni di sfide per tutti, eravamo bloccati in casa nostra a pensare alle nostre vite, ai nostri limiti e problemi e il tuo album non è triste. Non provavo tristezza, non mi sentivo persa, mi faceva sentire come esser coccolata.


Oh, bello! Stanno accadendo così tante cose nel mondo in questo momento. È difficile capire dove andare da lei, a volte è molto spaventoso. Ma è anche molto emozionante: le persone stanno cambiando. La sessualità sta diventando fluida, il genere sta diventando fluido, tutti i cliché su come ci stiamo trattando stanno cambiando. Stiamo diventando più gentili gli uni con gli altri, stiamo imparando a prenderci più cura dell’ambiente e tutte queste sono sfide per le persone che hanno lavorato con lo status quo o il capitalismo. Queste sono cose che dobbiamo cambiare dentro di noi e so quanto sia difficile, ma anche grande. Cerco così tanto di cercare una via d’uscita dalla rabbia, cerco di incoraggiare le persone a entrare e ascoltare. Sii un po’ più gentile, cazzo, rilassati, non devi dire tutto quello che hai in mente. Questo è il messaggio che sto cercando di portare: conforto, in un fottuto cambiamento spaventoso.


È il mese del Pride, mi è piaciuto ascoltare la tua canzone, I’ll never hide my love away. È molto confortante: ti senti che in questo periodo siamo più in grado di mostrarci per quello che siamo o pensi che sia tutto in superficie e che ci siano davvero molti cambiamenti da fare?


Ci sono ancora molte modifiche da apportare, di sicuro. Ma devo dire che essere radicalmente gay non è così radicale, essere aperti con la propria sessualità sta diventando più normale e questo è un grande cambiamento. Viene da persone singolari che si sentono orgogliose per quello che sono, orgogliose di mostrarsi al mondo, nonostante i pericoli che ne derivano. Più le persone si mostrano e chi sono, aiuta solo il mondo. Sì, nella mia vita è stato e spesso è stato molto pericoloso essere gay. Continua ad esserlo, c’è molto lavoro da fare, quindi il messaggio in I’ll never hide my love away è incentrato sul vivere la cosa bella e potente che è l’amore. Sappiamo tutti che alcune persone non possono accettarlo e dobbiamo eliminare la fottuta muffa dalle persone per convincerle ad amare se stesse prima che amino le altre persone e tollerino, accettino. C’è molto lavoro ed è per questo che ho paura, ma non ho abbastanza paura da smettere di amare le persone.


Ed è fantastico. Inoltre, essere in grado di sfidare qualcosa di così spaventoso e così pericoloso con amore e tenerezza è un grande potere.


È la chiave per cambiare il mondo. Attraverso più gentilezza, più amore.


C’è una canzone che ho particolarmente amato: sono un Acquario e anche un’appassionata di astrologia, quindi mi è piaciuto molto vedere la tua opinione su di essa. Sento che i testi sono molto particolari, quindi vuoi parlarmene? Come è nato?


Le idee sono nate sulle idee di grazia e cambiamento planetario. Il modo in cui porta molta energia diversa nel mondo perché alla fine della giornata, anche se non credi nell’astrologia, lo spostamento planetario fa fluttuare diverse energie. C’è una canzone chiamata The Dawning of the Age of Aquarius. La canzone parla di Donald Trump ed è stata scritta all’inizio della pandemia di Coronavirus, quindi è stato come il peggior essere umano al mondo al potere in uno dei più grandi paesi del mondo e un enorme cambiamento nelle nostre vite. È stato come un enorme inferno, enormi cambiamenti: parla del femminismo e di come odia le donne e di come si comportano in America. Guardiamo sempre all’America in questo modo: conquistare il paese quando in realtà tratta le persone come una merda e deve avere l’assistenza sanitaria, nessun sistema sociale ed è molto pericoloso anche lavorare. Ha molte cose buone da fare, ma è offensivo come siano un esperimento sociale fallito. Una volta che inizi a trattare le donne come cittadine di seconda classe come un paese del primo mondo, è molto difficile per il resto del mondo, perché dovremmo cercare una guida su come trattare le persone. Quindi questa canzone parla di come mia madre mi ha dato alla luce e come donna voglio il diritto di vivere, voglio il diritto all’aborto, al suicidio assistito e tutte le cose relative alla vita e alla morte. Se qualcuno dovrebbe sapere come fare una scelta, è assolutamente una donna perché il mondo intero è nato dalle donne, quindi ne sappiamo un po’.

wallis bird intervista

Le sfide più difficili per noi Acquari il più delle volte sono legate all’accettazione del cambiamento. Siamo in grado di sentirlo nel mondo, la giustizia sociale, ma lottiamo quando lo sentiamo dentro di noi. Con questo album stai dicendo: cosa c’è di sbagliato nel cambiamento? Lo dici prima a te stessa? A tutti? È stata una sfida per te non solo accettarlo, ma abbracciarlo del tutto come fai con questo album?


Non ho più bisogno di dirlo a me stessa perché amo il cambiamento, mi fa emozionare e mi dà idee. Non è sempre conveniente, ma è ciò che amo della vita. Non mi piace la comodità. A volte la tua macchina si guasta e devi camminare e ci sono fiori in campagna, quindi sei davvero felice di dover camminare. Oppure non hai cibo in casa e inventi qualcosa dal nulla: la necessità porta invenzione. Amo il cambiamento e spingere il mio cervello un po’ più in alto, penso che la comodità sia sicura. Vedo anche che avremo molti cambiamenti climatici e immigrati, dobbiamo fare meglio con il modo in cui trattiamo le persone in situazioni difficili, con i migranti. Ci saranno molti cambiamenti che non possiamo controllare e dobbiamo essere preparati per questo.


L’ultima cosa che volevo chiederti è se questo tuo interesse è stato influenzato dall’Irlanda.


Sì certo. Il governo in Irlanda è stato praticamente guidato dalla chiesa cattolica per un paio di centinaia di anni.

L’idea che avessimo un sistema di credenze che odia le donne e le punisce per il solo fatto di esistere mi ha fatto impazzire.

ENGLISH VERSION

It’s bittersweet to say, but it always comes as a surprise when people are nice. When you have the opportunity of speaking to an artist – especially if you’re doing it with technical difficulties and sitting on the university’s stairs – you don’t expect people to be genuinely interested in what you’re doing, how you’re spending your summer, if you like to study communication or not. That was just a small hint of the warm and kind person that Wallis Bird is.

I had the chance of having a chat with her after the release of her 7th album, ‘Hands’, that came out May 27th after a more than two months long non – stop work routine to make it perfect. That’s why the album is amazing and also why Bird received my call with a cup of coffee in the countryside where she is getting her well – deserved rest.

I’d like to start and break the ice: how would you introduce yourself to our readers?

I’m a multi – instrumentalist musician, producer and I’ve just finished my 7th album. I have quite a lot of records and also a live one: my genre includes pop, rock, folk, soul, jazz… But it’s all natural. I love playing instruments, nature, my songwriting is influenced by my relationships and the people that I love. In the last records I moved into singing about my experience with politics and social structures.

This album is a bit different in comparison to the previous one. This time you’re focusing on yourself and not on the rest of the world, was it easier or harder for you?

I think most people think that this is a really personal record, but I think it’s personal for other people actually. I do sing about my giving up alcohol and my relationship with sex, and that would be the most personal thing about me for sure, but I think the record is about us and how we’re dealing with the last couple of years (2019 to 2021). A lot of people say that it’s my most personal record, but I think it feels that way because it’s speaking to a lot of people personally and I think that’s what most people find more personal about it. It’s not all about me, it’s just relatable to people after these last few years and that’s where the personal comes from.

It’s very sympathetic, it really is. I empathized with many of the lyrics.

Cool, it’s also very universal. It goes on a deeper level than just singing about my experience. If you push the lyrics a bit further and tend to go somewhere deeper within the person, that’s a quicker way to say the deepest thing.

Another way of referring to your album is ‘Nine and a half songs for nine and a half fingers’ which I think is very catchy. I appreciated the fact that you strive for authenticity in a world that is so focused on appearing perfect without showing the alleged limits of oneself. How’s this experience been for you? Was it always a challenge or were you supported by your team and your family, friends?

That’s a nice question. It’s hard to be authentic, because you need to appear vulnerable. For a start, even when I do interviews, no matter how I look. I think personal appearance is where you stand right now: it says a lot about where you are, how you’re feeling, how your health is. I do love a social media when I’m tired or feeling bored, I just tend to take life exactly as it is. Of course, as a performer, when you do lives you want to show the best side of yourself, there are always performative things that we do, but in general I find that there’s a lot of detail in somebody who’s hurting and if you hide it… I’m a very positive person generally, but I love the darkness. I like to just be as kind of in the moment as possible without hiding. A lot of people see my positivity as something rather weak and I always find it very incorrect. It’s harder to see the world in a positive light than it is to just feel depressed all the fucking time. It takes a lot of work to be me and to be open minded and gentle, because I’m a passionate person, but I try to keep my passion at controlled levels so that I can work and express myself or listen properly. The person that I am is always trying, working, but not afraid to show that I’m striving and working to be a more relaxed and balanced person. It takes work to be the person that you are!

This is also one of the coolest things about your album: that it was made in those years of challenges for everyone, we were stuck in our house thinking about our lives, our limits and problems and your album is not sad. I didn’t feel sadness, I didn’t feel lost, it made me feel like a cuddle.

Oh, cool! There’s so much happening in the world right now. It’s hard to figure out where to go from her, it’s very scary at times. But it’s also very emotional: people are changing. Sexuality is becoming fluid, gender is becoming fluid, all the cliches about how we’re treating each other are changing. We’re becoming more gentle with each other, we’re learning how to take care of the environment more and all of these are challenges for people who have been working with the status quo or capitalism. These are things we need to change within ourselves and I know how hard, but also how great it is. I try so hard to look for a way out of anger, I try and encourage people to come in and listen. Be a little bit fucking kinder, relax, you don’t have to say everything that’s in your mind. That’s the message I’m trying to bring in: comfort, in a scary fucking changing time.

It’s Pride month, I loved listening to your song I’ll never hide my love away. It’s very comforting: do you feel like in this period we are more able to show ourselves for who we are or do you think that’s all on the surface and there are actually a lot of changes to be made?

There’s still a lot of changes to be made, for sure. But I have to say that being radically gay is not so radical, to be open with your sexuality is becoming more normal and that’s a big change. It comes from singular people feeling proud for who they are, proud to show the world, despite the dangers of it. The more people show themselves and who they are, it only helps the world. Yes, in my life it has been and often was very dangerous to be gay. It continues to be, there’s a lot of work to do, so the message in I’ll never hide my love away is focused on living the beautiful, powerful thing that love is. We all know that, some people can’t accept that and we have to chip away the fucking mold out of people to get them to love themselves before they love other people and tolerate, accept. There’s a lot of work and that’s why I’m scared, but I’m not scared enough to stop loving people.

And it’s great. Also, to be able to challenge something so frightening and so dangerous with love and tenderness is a great power.

It’s the key to changing the world. Through more kindness, more love.

There’s a song that I particularly loved: I’m an Aquarius and an astrology gal too, so I loved seeing your take on it. I feel like the lyrics are very peculiar, so do you want to tell me about it? How was it born?

The ideas were born on the ideas of grace and planetary change. The way it does bring a lot of different energy into the world because at the end of the day, even if you don’t believe in astrology, planetary shifting causes different energy to fluctuate. There’s a song called The Dawning of the Age of Aquarius (https://www.youtube.com/watch?v=VlrQ-bOzpkQ), at the moment I think we’re in the age of Aquarius and it inspired the title. The song is about Donald Trump and it was written at the start of the CoronaVirus pandemic, so it was like the worst human in the world in power in one of the biggest countries in the world and a huge change in our lives. It was like a huge hell, huge changes: it’s about feminism and how he hates women and how they act in America. We always look to America as this go – getting country when it’s actually treating people like shit and has to healthcare, no social system and it’s very dangerous also to work. It has a lot of good things to, but it’s offensive how they are a failing social experiment. Once you start treating women like second – class citizens as a first world country, it’s very difficult for the rest of the world, because we are supposed to look for guide on how to treat people. So this song is about how my mother gave birth to me and as a woman I want the right to live, I want the right to abortion, to assisted suicide and all of the things related to life and death. If anybody should know how to make a choice, it’s absolutely a woman because the whole world was born from women, so we know a little bit of that.

The hardest challenges for us Aquariuses most of the times are linked to the acceptance of change. We are able to feel it in the world, social justice, but we do struggle when we feel it within ourselves. With this album you are saying: What’s wrong with changing? Are you saying this to yourself first? To everyone? Was it a challenge for you to not only accept it, but embrace it as you do with this album?

I do not need to say it to myself anymore because I love change, it makes me exited and gives me ideas. It’s not always convenient, but it’s what I love about life. I kind of dislike convenience. Sometimes your car breaks down and you have to walk and there are flowers in the countryside so you’re actually happy that you got to walk. Or you don’t have food in your house and you invent something out of nowhere: necessity brings invention. I love change and pushing my brain a little bit higher, I think convenience is safe. I also see that we’re going to have a lot of climate change and immigrants, we have to do better with how we treat people in difficult situations, with migrants. There’s going to be a lot of changes that we can’t control and we have to be prepared for it.

The last thing I wanted to ask you is if this interest of yours has been influence by Ireland.

Yes, for sure. The government in Ireland was pretty much run by the Catholic church for a couple of hundred years and I realized that it made me political. The idea that we had a belief system that hates women and punishes them for just existing made me mad.

Giulia Scolari
Latest posts by Giulia Scolari (see all)
Previous

Stranger Things 4 – Il trailer delle due ultime puntate

Obi-Wan Kenobi: recensione della stagione 1

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial