Obi-Wan Kenobi: recensione della stagione 1

| | ,

Obi-Wan Kenobi è una miniserie televisiva statunitense del 2022 diretta da Deborah Chow. È prodotta dalla Lucasfilm e distribuita sulla piattaforma streaming Disney+ dal 27 maggio al 22 giugno 2022. Con la durata di 6 episodi dalla durata di 45 minuti circa, la serie si colloca tra il terzo ed il quarto film della saga e racconta le gesta di Obi Wan prima di diventare il vecchio Ben.

Obi-Wan Kenobi

Obi-Wan Kenobi va a colmare un vuoto narrativo non indifferente.

La serie ha come protagonista l’Obi-Wan di Ewan McGregor che veglia sul giovane Luke Skywalker. Ben ha ormai abbandonato la spada ed il mantello e si mantiene lavorando come macellaio in una fabbrica, tiene un basso profilo e non osa affrontare gli inquisitori che vagano per la galassia cacciando i jedi sopravvissuti.

Tutto cambia quando però riceve la richiesta d’aiuto da una vecchia conoscenza: Leia è stata rapita. Obi Wan si imbarca così per un’avventura che gli farà affrontare i fantasmi del suo passato, incluso il suo più grande fallimento come maestro: Anakin Skywalker.

L’ormai oscuro signore dei sith noto come Darth Vader è a capo degli inquisitori e dà la caccia ai pochi jedi rimasti, Obi-Wan dovrà quindi stare attento a non attirare l’attenzione dell’impero mentre salva la figlia del suo ex allievo.

Obi-Wan Kenobi: recensione della stagione 1 1

La serie si prende il suo ritmo ma risulta comunque un ottimo prodotto.

Questa miniserie non è esente da difetti, il ritmo fra tutti. I primi episodi partono molto bene ma poi la narrazione si perde nei centrali per poi esplodere di nuovo nel gran finale degli ultimi due. Insomma si vede che il progetto iniziale era di fare un film in stile Rogoue One o Solo.

Le scene d’azione per quanto non eccessivamente presenti sono sempre ben fatte, i duelli di spada tornano ad essere uno spettacolo per gli occhi al contrario dell’ultima trilogia cinematografica. Insomma questa serie è decisamente più vicina alla trilogia prequel rispetto alle altre.

Obi-Wan Kenobi segna anche il ritorno di Hayden Christensen nei panni di Anakin e Darth Vader. Questo personaggio rappresenta uno dei puti forti dell’intera serie, oltre alla sua iconicità è il suo ruolo ad essere geniale come scrittura.

Darth Vader è sia antagonista che coprotagonista, non tanto per battute o presenza sulla scena quanto per carisma. La serie è la storia di allievo e maestro che non si sono mai perdonati a vicenda per ciò che si sono fatti e che hanno entrambi bisogno di chiudere definitivamente.

Molto ben fatto anche il personaggio della piccola Leia, che riesce ad essere perfettamente credibile e mai banale nonostante la giovane età, un plauso anche alla giovane attrice che la interpreta. La serie e poi piena di numerosi personaggi secondari che risultano tutti interessanti ma veramente poco approfonditi.

Importante anche il personaggio di Reva: l’inquisitrice che ha il compito di dare la caccia ad Obi Wan e che sembra avere una strana ossessione per l’ex maestro jedi.

La serie ovviamente ha come protagonista l’incredibile Ewan McGregor che riesce a convincere in ogni istante con la sua interpretazione: il suo Obi-Wan è stanco e disilluso, non crede più in nulla e tutto ciò si lascia intendere da ogni sguardo e parola, insomma un’interpretazione magnifica.

Obi-Wan Kenobi: recensione della stagione 1 2

Obi-Wan Kenobi tecnicamente è ben fatta ma non è perfetta.

Le scene d’azione come detto prima non sono numerose ma sono sempre ben fatte, gli scontri sia di blaster che di spada hanno una regia molto pulita e chiara che riesce sempre a far comprendere perfettamente ciò che succede sullo schermo.

Gli effetti speciali sono sicuramente ben fatti se non per qualche piccolo scivolone in qualche episodio, ci sono delle scene che risultano di qualità decisamente più scadente del resto.

Da mozzare il fiato sono invece le ambientazioni dei vari pianeti, sia quelli già apparsi in altre pellicole sia quelli nuovi pensati appositamente per questa serie.

Insomma Obi-Wan Kenobi è un prodotto valido e che va sicuramente visto, soffre di alcuni difetti che però sicuramente non inficiano la visione soprattutto per chi non vedeva l’ora di ammirare Ewan McGregor nei panni del leggendario maestro jedi di nuovo.

Phttps://shockwavemagazine.it/news/stranger-things-4-trailer-vol-2/otrebbe interessarti anche

Gianmarco Mei
Previous

Wallis Bird e Hands: intervista

Winning Time: l’inizio della dinastia dei Lakers.

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial