Brightside, la recensione del nuovo album dei The Lumineers

| |

Sarà difficile per The Lumineers superare il loro coinvolgente capolavoro del 2019 “III“, un concept album in tre parti e un cortometraggio di accompagnamento che esplorava il ciclo della dipendenza attraverso le generazioni. Quindi, non ci hanno provato. Invece, la band di Denver, composta dai membri fondatori e dai cantautori Wesley Shultz e Jeremiah Fraites, è andata in una direzione completamente diversa con il loro quarto LP, Brightside.

The Lumineers hanno decisamente dato il via alle cose con un approccio ottimista. Brightside, il loro quarto album in studio, trova la band in un territorio un po’ familiare con testi che spesso parlano di romanticismo. Anche se questa volta, la musica è più elettrica e piena di elementi innovativi rispetto alle loro versioni precedenti.

Il primo nuovo album dei The Lumineers in oltre due anni e il loro secondo lavoro nominato ai Grammy Award, Brightside è una fusione stimolante di blues, folk, country, world music e rock.

È eseguito da Jeremiah Fraites e Wesley Schultz, e co-prodotto da Simone Felice e David Baron, e include Baron alle tastiere e cori di Baron, Lauren Jacobson, Simone Felice, Cindy Mizelle (Dave Matthews Band , Bruce Springsteen), Diana Demuth e James Felice.

Composto da canzoni di strada americane, che combinano tristezza e ottimismo, il messaggio è principalmente un’ode all’amore. Il potente ritmo rock di Brightside, con il suo accenno di Stones, è intriso di energia motrice. Registrata in un giorno, è una canzone poetica e ottimista sugli amanti in fuga e una celebrazione del romantico, il suo tema principale è che siamo salvati dalla nostra devozione reciproca.

AM Radio parla dell’attrazione soprannaturale della propria vocazione nella vita. Con voci soliste evocative e struggenti e delicate chitarre acustiche in contrappunto con potenti accordi di pianoforte e il più grande ritornello che abbiano mai registrato, la melodia di ispirazione folk è allo stesso tempo appassionata e serenamente pensierosa.

brightside the lumineers recensione

Un incidente d’auto quasi mortale che ha coinvolto Schultz e la sua ragazza Brandy ha motivato il terzo pezzo dell’album, Where We Are, un’espressione di gratitudine per essere vivi e di positività in mezzo ai guai. Incanalando Bruce Springsteen, gli splendidi accordi di pianoforte della canzone fluiscono e ondeggiano mentre il testo grida di speranza e di uno straziante apprezzamento per la vita. Segue la sentimentale Birthday, una deliziosa ballata folk acustica con un accenno di Beatles e vocalizzazioni edificanti che trasmettono un’innocenza infantile.

Il bizzarro, soulful e malinconico Big Shot ispirato agli anni ’90, con un pianoforte gentile e una voce lunatica, è un commento sulla soggettività della natura umana. La traccia sei, Never Really Mine, con voce e chitarra svettanti, è una ballata country rock commovente e febbrile.

Un altro pezzo che riecheggia Springsteen, Rollercoaster si apre con un piano morbido, un tempo simile a un valzer, quindi si intensifica delicatamente con note di tastiera meravigliose, ricche e arrotondate e un canto malinconico in stile country. Next Remington, con una chitarra morbida, un battito ritmico come un battito cardiaco e una voce commovente, è premuroso e pieno di emozioni: parla ai traumatizzati ma eternamente pieni di speranza.

the lumineers brightside recensione

La batteria silenziosa è accoppiata con una chitarra elettrica nella title track di apertura di Brightside. Racconta una storia di impegno, attraverso i momenti belli e quelli incerti. Brightside presenta un suono più elettrico di quello con cui alcuni ascoltatori di The Lumineers potrebbero avere familiarità, ma funziona bene, soprattutto abbinato a descrizioni sceniche succinte come quella che cita The Dark Side of the Moon.

La traccia conclusiva Reprise rivisita l’apertura ma presenta una traccia più ottimista. Ora Wesley Schultz e Jeremiah Fraites sono diretti verso il lato positivo invece di essere il lato positivo. Il posizionare le tracce all’inizio e alla fine dell’album funziona bene, poiché in realtà non sembrano raccontare la stessa storia ma in qualche modo emettono le stesse immagini.

Where we are fluisce e rifluisce con osservazioni e ricordi. Schultz ricorda la sua relazione e chiede ripetutamente: “Cos’ero?” attraverso vari scenari quotidiani dall’esperienza rilassante di fissare i ventilatori a soffitto al caos delle auto che si schiantano sulle autostrade dell’Arizona. Mantiene un tono leggero cantando ripetutamente attraverso il ritornello.

La traccia più breve dell’album, Remington, dura meno di due minuti e quando sembra arrivata a un apice è pronta per tornare di nuovo. Schultz si rifà al potere del sole, descrivendo lo stare in piedi e l’aspettare il sole stanotte. La band ha debuttato con il brano dal vivo insieme a Reprise diversi mesi fa, e le due canzoni funzionano bene sia come tagli indipendenti che legate insieme all’apertura di Reprise che gioca pesantemente al pianoforte.

Tra le restanti cinque canzoni dell’album di nove tracce c’è Never Really Mine, dove solo una chitarra elettrica supporta la voce nitida e forte di Schultz. Canta d’amore, quel tipo d’amore non progettato per il tempo e che in qualche modo ne resta fuori. Nota come, col passare del tempo, dimostri, senza provare, con chi siamo effettivamente destinati a stare insieme. Un intermezzo musicale a metà di Birthday rallenta la canzone al minimo con un’infarinatura di applausi per suonare come un’esibizione dal vivo. Riprende con lo stesso ritmo calpestabile del duo che canta: “Va tutto bene / Stiamo andando avanti”.

La musica e i testi poetici e avvincenti dell’album sono chiaramente intuitivi e allo stesso tempo composti in modo superbo e abilmente. Stimolante, commovente e leggermente nostalgico, Brightside è anche positivo e pieno di speranza. The Lumineers rappresentano lo stile musicale perfetto da ascoltare in questo periodo dell’anno. È caldo e confortante e la band mira a diffondere l’amore con la scrittura delle sue canzoni. I due non cercano vendetta, né hanno il cuore spezzato. Se finirete in quarantena, ascoltate Brightside, perché saranno senza dubbio 30 minuti edificanti e rilassanti del vostro tempo.

Previous

Maneskin non si fermano: la band ospite al Saturday Night Live

I colori tra emozioni, gusto personale e arredamento

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial