Bugo: Bugatti Cristian [Recensione]

| | ,

Ormai conosciamo tutti Bugo, ed in occasione della sua seconda partecipazione al Festival di Sanremo ha deciso di rilasciare l’album che già uscì lo scorso anno, dal titolo “Bugatti Cristian”, in cui però troviamo cinque nuovi inediti

Minimo sforzo da parte di Bugo che decide di rilasciare una “remastered” dell’album che uscì l’anno scorso, Bugatti Cristian, aggiungendo alla track-list cinque nuovi inediti, tra cui, ovviamente, la traccia con cui è in gara al Festival di Sanremo. L’anno scorso l’album riscosse successo soprattutto grazie a tracce come “Sincero” e “Mi Manca”, che trovarono la loro forza per il loro essere dei feat con Morgan (per la prima) e con Ermal Meta (per la seconda).

Bugo

Il Sanremo di Bugo è già scritto, ma personalmente non mi interessa, è giusto che l’artista venga valutato a prescindere del suo Festival, positivo o negativo che sarà, anche perchè solo una traccia è quella in gara al festival

Ed è proprio con la traccia che è in gara al Festival di Sanremo, “E Invece Sì, che apre l’album, una canzone con cui Bugo sposa completamente il classico cantautorato italiano, con un ritornello orecchiabile. Una traccia valida ma che risentirà molto del risultato finale che il cantautore milanese porterà a casa dopo il festival. Storia completamente diversa per la seconda delle cinque nuove tracce, stiamo parlando di “Meglio” in cui troviamo la partecipazione dei Pinguini Tattici Nucleari, un singolo valido, ma che non riesce ad essere al livello degli altri due feat presenti nell’album, ma soprattutto un Bugo che si lascia travolgere troppo facilmente dai PTN.

Con “Come si fa” si arriva alla traccia più “movimentata”, ma solo nel ritmo, e non nel contenuto, cambio, e passo subito a “Videogame” anch’essa non si differenzia molto dalla precedente, peccato, in questo caso si poteva fare molto di più, soprattutto per il titolo della canzone. Si arriva così all’ultimo dei cinque inediti, “O Che Cosa”, una ballad molto apprezzata e che è l’unica traccia apprezzabile delle cinque presentate, che ci riporta ai livelli, più o meno alti, dell’album “originale”.

Bugo poteva fare molto di più, anzi, probabilmente sarebbe bastato anche solo l’uscita del singolo per il Festival di Sanremo

Cinque nuovi inediti in cui solo uno di essi, “O Che Cosa”, riesce ad essere apprezzata completamente, una “remastered” di Bugatti Cristian che sembra molto forza, anzi, lo è. Cinque inediti che vanno a rovinare, purtroppo, le tracce presenti nell’album fin dall’anno scorso, un album che fu valido in cui Bugo mise molto del suo talento nel cambiare stile mantenendo comunque la sua “pazzia” testuale.

Bugo

Bugo: Bugatti Cristian [Recensione] 1
Previous

I Diritti sono uno Spettacolo

Sanremo 2021, live report e classifica della quarta serata

Next

Un commento su “Bugo: Bugatti Cristian [Recensione]”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial