Dawn FM, la recensione del nuovo album di The Weeknd

| |

Dawn FM è il nuovo album di The Weeknd, pubblicato a sorpresa venerdì 7 gennaio 2022 per XO/Replubic records, anticipato dal già singolo di successo Take my breath.

Vogliamo iniziare la recensione di Dawn FM di The Weeknd con una riflessione più ampia. L’oscurità divorante dell’attuale prolungata crisi della salute pubblica costringe a una scelta: avvicinarsi ai fatti o distogliere lo sguardo. Si può dare un bilancio completo degli orrori che ci attendono in questo decennio o cercare la pace nella distrazione o nella negazione. La cultura pop dell’era pandemica condivide questo dilemma. I creativi non sembrano mai abbastanza sicuri a causa di quanto sia difficile rappresentare questo momento storico, se il nostro picco di nichilismo possa essere affrontato al meglio attraverso un’allegoria terribile o se il nostro intrattenimento non debba rispecchiare le nostre circostanze. Opere come Don’t Look Up di Adam McKay e That Funny Feeling di Bo Burnham, parlano per entrambi i casi.

L’album After Hours di The Weeknd ha fatto da colonna sonora ai primi giorni della pandemia, incastrandosi con i nervosismi di un pubblico improvvisamente e indefinitamente bloccato in casa. C’era un certo conforto nel vedere una parvenza di affari andare avanti come al solito, e la chiusura dei club non ha potuto fermare il singolo “Blinding Lights” – in cui il cantautore nato Abel Tesfaye rivisita il tentativo di electro-rock di “False Alarm” di Starboy con i produttori di successo svedesi Max Martin e Oscar Holter al seguito, dall’assalto alle classifiche globali. Era uno strano lavoro manuale, una melodia che evoca tacitamente un’altra melodia (in questo caso, il classico synth-pop degli anni ’80 e il top delle classifiche internazionali “Take on Me” degli A-ha norvegesi). Situato verso la fine di un album che pattina senza sforzo attraverso gli stili perseguiti nelle precedenti uscite di Weeknd: la batteria trap e l’insaziabile libido di “Often”, l’elegante elettronica di My Dear Melancholy, il pop dance alla moda di “Can’t Feel My Face ” – “Lights” e il più lento e dolce “Save Your Tears” suggerivano che Tesfaye fosse giunto alla logica conclusione del sinistro eccesso psicosessuale che ha caratterizzato Weeknd da House of Balloons del 2011.

dawn fm the weeknd recensione

Dawn FM, il suo quinto album in studio, completa un viaggio iniziato con “Can’t Feel My Face”, il primo grande successo del cantante in un successo pop puro come artista solista.

A quel tempo sembrava che Tesfaye stesse badando alla direzione delle classifiche, associando il suo nome a un suono che era un percorso infallibile per un grande successo. Alcuni cicli di album dopo, il suo talento per le melodie è cresciuto fino a raggiungere l’ampiezza delle sue idee su nuovi territori da esplorare.

La nuova musica trasuda gioia nella gioia che Weeknd prova nel lanciare i suoi fedeli ascoltatori in loop. Dawn FM è un lento perno lontano dalle canzoni abbattute sulla fredda autogratificazione, le droghe ricreative e il sesso senza significato dei primi lavori dell’artista e un approccio più sicuro all’esplorazione musicale delle pubblicazioni di Weeknd da almeno Starboy, un album abbastanza ambizioso da mandare a chiamare Daft Punk, Kendrick Lamar, Benny Blanco e Future. Dawn FM invece, gioca con la collaborazione tra Tesfaye e Daniel Lopatin, meglio conosciuto come Oneohtrix Point Never (il cui equilibrio edificante di sonorità avant-garde e intelligenza pop alimenta il loro lavoro collaborativo su progetti precedenti), e tra Tesfaye, Martin e Holter trovano un utile equilibrio. I ganci hanno colpito duro, e la produzione è piena di sorprese, di accostamenti inaspettati di idee e collaboratori disparati.

Dawn FM è arrangiata come una playlist radiofonica curata da Jim Carrey, una lenta diapositiva da canzoni d’amore ritmate a ballate minacciose epunteggiata da spot pubblicitari per prodotti immaginari, prendendo spunto dall’ultimo album di Lopatin nella sua ricerca di un perfetta radio FM della mente. È più leggero nel suo spirito rispetto al suo predecessore nell’intento e nell’esecuzione.

Le nuove canzoni ripercorrono il viaggio del cantante da un luogo solitario e il giro sulle montagne russe di incontri, tradimenti e nuovi contendenti nella sua vita amorosa. Dawn si ispira al lirismo sdolcinato e al funk robotico dell’anima degli anni ’80, ma mantiene il suo sguardo puntato più lontano. “Sacrifice” un classico post-disco della cantante di Detroit Alicia Myers “I Want to Thank You” con il tipo di arrangiamento dance-funk che ha popolato l’album Homework dei Daft Punk. I Daft Punk hanno un’influenza notevole qui come su Starboy, ma quel suono è solo un pezzo dell’ampio kit di strumenti di Dawn FM; c’è tanto di “Edge of Seventeen” di Stevie Nicks in “Take My Breath” quanto lì sono tracce di “Da Funk.” Sintetizzatori robusti e drum machine sferraglianti abbondano. Il vulnerabile “Don’t Break My Heart” reimmagina il sentimentalismo morbido di “Hold On, We’re Going Home” come frizzante electro. Queste canzoni non sono imitazioni a buon mercato, però. Sono pile di idee sperimentali straordinariamente stridenti come “Here We Go … Again”, che promuove la produzione di Beach Boy Bruce Johnston, un’affascinante strofa ospite di Tyler, the Creator, e la voce di supporto del figlio di Mike Love, Christian, che fluttua setoso su sintetizzatori e meravigliose armonie.

dawn FM the weeknd recensione

Dawn FM non è tanto un viaggio nostalgico quanto un esercizio per allontanarsi dal tempo.

C’è troppo anacronismo per inserirlo nel revival degli anni ’80 che scorre attraverso il pop in questo momento. Dawn FM vede il valore nel suono lucido e sintetico dell’epoca, ma raramente si accontenta di un semplice pastiche. Ma quando lo fa, lo fa in modo autentico: le affettazioni vocali e la programmazione della batteria di “Gasoline” evocano il momento specifico che l’élite pop britannica degli anni ’80 ha scoperto l’hip-hop; nessun altro alla radio sta toccando la musica freestyle e pop cittadino come fanno “Best Friends” e “Out of Time” di Dawn, anche se Bruno Mars probabilmente ci arriverà alla fine.

Gli spiriti affini di questo album sono dischi come The New Abnormal degli Strokes; The Slow Rush dei Tame Impala, in cui Kevin Parker trasforma disco, hip-hop e psych rock in forme impressionanti; Junk di M83, in cui il compositore francese Anthony Gonzalez e la serie Beat Tape di Benny Sings, in cui hip-hop, yacht rock, city pop e smooth jazz vanno a braccetto. Probabilmente sarà visto come un brusco sinistro per il Weeknd, e dopo le fantasticherie notturne di After Hours con un disco innamorato della radio mattutina in auto indica sicuramente l’idea che questo dovrebbe essere una sorta di nuovo inizio.

Previous

Golden Globe 2022, Jane Campion la grande protagonista. Italia a digiuno | Tutti i premi

Sanremo 2022, Maria Chiara Giannetta sarà co-conduttrice per una serata

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial