Overflow, la recensione dell’album di Rival Consoles

| |

Overflow è il nuovo album di Rival Consoles, uscito il 3 Dicembre 2021 per Erased Tapes.

È gratificante sentire Rival Consoles espandere la sua gamma e infondere il suo marchio unico di techno con qualità più ronzanti ed espansive in Overflow.

Ryan Lee West ha definito la sua musica “introversa” e ha detto che gli piace trovare “qualcosa di sé nella musica”. Ciò era particolarmente vero per il suo album di riferimento del 2018, Persona, un LP sognante, minimale e con sfumature shoegaze che sembrava fatto a mano per l’introspezione a tarda notte. Nel suo ultimo album sotto il moniker di Rival Consoles, Overflow, la musica di West suona decisamente verso l’esterno. È più rumoroso, più espansivo e più interessato ai temi sociali che a quelli personali. L’album è stato composto per una produzione di danza con lo stesso nome creata dal coreografo Alexander Whitley. Il che non è difficile da vedere: Overflow è più teatrale di qualsiasi cosa West abbia realizzato.

L’LP si apre con uno dei brani più lunghi e ambiziosi della discografia dei Rival Console, i 10 minuti di “Monster“, opportunamente intitolato. West entra nel territorio dei droni qui, colpendoci con rullanti affilati e stentori e una minacciosa linea di basso di una nota. Le percussioni sono scarse ma feroci, facendo sembrare tutto espansivo e distanziato come se fosse fatto in una cattedrale. Le canne d’organo entrano intorno agli otto minuti, aggiungendo un tocco infernale e medievale a una traccia altrimenti moderna. Tutto in questa canzone è enorme e abrasivo.

overflow rival consoles recensione

Il resto dell’album segue in modo altrettanto espansivo, con brani come “Hands” e “Tension in the Cloud” che approfondiscono ulteriormente il territorio dei droni. “Noise Call and Response” è lenta e pesante, guidata da un groove che suona sommerso nella melassa, come una fetta di techno di magazzino suonata al BPM più lento possibile. “Noise Call and Response II” è molto più veloce. L’intera traccia cresce in una scarica di grancassa e tastiere slavate prima di prendere una svolta per l’ambient, lasciandoci immersi in un oceano di violini modulati.

Ma Overflow non è solo esteriore nella sua musica; è anche esteriore nei suoi temi. Se album come Persona e Articulation hanno esplorato il sé, Overflow sembra esplorare la disumanizzazione e la rottura del sé.

Prendi “I Like“, dove una voce balbetta ripetutamente “I like”, “it’s like” e “gli piaceranno” per tutta la canzone. Il campione vocale viene sminuzzato in modo da balbettare su se stesso ed echeggiare in un milione di direzioni diverse contemporaneamente. Nell’era dei social media, dove tutti sono ossessionati da Mi piace, Mi piace e ancora Mi piace, la canzone è una metafora adatta alla nostra vita e ai nostri tempi. Si sente distratto e frammentato, proprio come noi.

A volte, tuttavia, i temi tecnologici dell’album sembrano un po’ seguire cliché o risultare esagerati. “The Cloud Oracle” sono tre minuti e mezzo di clip vocali di leader di Google, guru del networking e altri imprenditori digitali. West ha sempre avuto un’abilità nel comunicare implicitamente i temi nella sua musica, ma qui sembra raccontare piuttosto che mostrare. Il “Cloud Oracle” è insolitamente pesante per una canzone di Rival Consoles. Va avanti troppo a lungo e spiega troppo i temi che sono già evidenti nella musica.

L’album è anche un po’ caricato all’inizio, poiché la metà posteriore manca dell’esplosività della prima. I 12 minuti di “Flow State” sembrano in qualche modo privi di direzione rispetto all’altro colosso dell’LP, “Monster”. “Touches Everything” sembra finire prematuramente, i tamburi svolazzanti e i synth ronzanti si stanno spegnendo proprio mentre l’intera canzone sembra sul punto di raggiungere il culmine.

Tutto sommato, è giusto dire che Overflow è l’album più ambizioso di Rival Consoles, anche se non è il più coerente.

Ha un obiettivo enorme e a volte si rivela enorme. Anche se il risultato è un miscuglio, è gratificante sentire West espandere la sua gamma e infondere il suo marchio unico di techno con qualità più ronzanti ed espansive.

Previous

Volbeat – Servant Of The Mind, la recensione

Cinema e lavoro, il ritorno di Working Title Film Festival: aperto il bando di concorso, sesta edizione a maggio

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial