Ozzy Osbourne, No More Tears – Recensione

| |

Ozzy Osbourne con No More Tears è entrato nel secondo atto della sua fortunata carriera da solista nel 1991

Ozzy Osbourne, No More Tears - Recensione 1

Ozzy Osbourne No More Tears e il suo record personale

Questo sesto album in studio sarebbe diventato il suo secondo best-seller, dietro Blizzard of Ozz degli anni ’80 ed è stato certificato quadruplo platino. Questo è stato un risultato rivoluzionario considerando le così tante uscite che non hanno avuto successo negli anni ’80 e sono stati accolti con meno entusiasmo durante il cuore del grunge e dell’ondata alternativa degli anni ’90.

Prima di questo album, Ozzie Osbourne aveva lottato per trovare la sua base musicale dopo la morte prematura del chitarrista Randy Rhoads nel 1982. Osbourne ha invitato per la prima volta il chitarrista blues Gary Moore ma inutilmente e diversi chitarristi temporanei sono stati utilizzati durante i tour dei primi anni ottanta. Jake E. Lee si unì alla band di Osbourne per registrare Bark at the Moon e The Ultimate Sin, ma lasciò il gruppo nel 1987. Nel 1986 il batterista Randy Castillo si unì al gruppo di Osbourne con il chitarrista Zakk Wylde che salì a bordo l’anno successivo per formare un nuovo quartetto insieme con il bassista di lunga data Bob Daisey.

No More Tears e la collaborazione con Lemmy Kilmister

Per No More Tears, Ozzie Osbourne ha iniziato la pratica di coinvolgere compositori esterni per co-scrivere canzoni. Il bassista e front man dei Motorhead Lemmy Kilmister ha scritto quattro tracce dell’album, con il produttore John Purdell che ha co-composto un’altra traccia.

L’album inizia con i suoni di bambini che giocano con gli effetti dello xilofono di accompagnamento prima che inevitabilmente “Mr. Tinkertrain” inizia completamente con un arrangiamento hard rock in questo strano inno su un pedofilo.

I Don’t Want to Change the World” è la prima canzone co-scritta da Kilmister e ha un approccio di tipo “fire-one” con riff di chitarra pesanti che si alternano con le voci in versi.

Mama I’m Coming Home: il pezzo con cui Ozzie Osbourne scala le classifiche

Lemmy ha anche collaborato alla hit “Mama, I’m Coming Home“, che inizia con una chitarra folk acustica finemente selezionata di Wylde e un grande senso della melodia di Ozzie Osbourne. La canzone si fa strada abilmente attraverso diverse sezioni prima di arrivare al gancio principale e cioè alla sezione inventiva musicale, senza mai indugiare inutilmente e rendendola una rara hit da Top 40 per Osbourne.

Dopo il brano rock di guida “Desire“, l’album raggiunge la sua title track. “No More Tears” è costruito su una bella linea di basso composta dal futuro bassista Mike Inez, anche se è Daisley a suonare effettivamente il basso nella canzone. Al ricco arrangiamento si aggiunge il tastierista John Sinclair, che fornisce sintetizzatori per archi profondi nella parte superiore e crea un crescendo orchestrale e un pattern di pianoforte nel ponte. Osbourne in seguito ha affermato che i testi della canzone parlano di un serial killer.

B-Side di No More Tears di Ozzie Osbourne

Sebbene non sia popolare come i brani precedenti, la seconda metà dell’album contiene una serie di rocker interessanti. “SIN” presenta chitarre impregnate di flange e un’atmosfera surreale, dato che “Hellraiser” fornisce la voce finale di Kilmister e sarebbe anche registrato dai Motörhead per il loro March ör Die, album del 1992.

Il suono di chitarra e basso intro di “Time After Time” crea l’atmosfera per questo pop / rocker moderato con dinamiche radio-friendly in una traccia in cui Wylde è liberato e dato abbastanza spazio per librarsi liberamente con le sue eteree chitarre.

Zombie Stomp” è costruito su bassi potenti, chitarra graffiata e alcuni effetti percussivi di Castillo in un’introduzione ritmica che crea molta tensione per oltre due minuti prima che la canzone abbia inizio.

 “AVH” (“Aston Villa Highway”) ha intro blues acustico prima di esplodere in un rocker fuso in metallo con lamenti acuti di Osbourne alternati al canto melodico dei cori fini. Wylde conclude questo tour de force di un album con la multiforme ballata di chitarra “Road to Nowhere”, dove Osbourne esamina gli errori del suo passato.

Fabiana Criscuolo
Previous

Da Unbreakable a Glass – Trilogia o l’alba di un nuovo universo?

Scarlett Johansson e il suo appello per Patrick Zaki

Next

Lascia un commento