Da Unbreakable a Glass – Trilogia o l’alba di un nuovo universo?

| |

Il recente successo di Anya Taylor-Joy in The Queen’s Gambit, in italiano La Regina degli Scacchi, ha riportato alla ribalta alcuni lavori che avevano già resa nota la giovane attrice, tra cui spicca Split, con James McAvoy, insospettabile secondo capitolo di una non annunciata trilogia. Di cosa stiamo parlando?

Parliamoci chiaro: quando, nel 2000, uscì Unbreakable, nessuno avrebbe pensato a possibili seguiti per la pellicola. Il mondo dei supereroi non era forte come oggi al cinema, reduce da un decennio, gli anni ’90, che sembravano averne concluso le gesta, con i deludenti ultimi film dedicati a Batman, e sarebbe stato proprio il decennio successivo, iniziato con il nuovo millennio, a lanciare i semi per il successo mondiale, con la trilogia dello Spider-Man di Raimi e quella del Batman di Nolan, senza dimenticare il mondo degli X-Men creato da Fox, mentre timidamente si sarebbero fatti spazio i Marvel Studios.

Eppure è così strano pensare come vedere oggi Unbreakable sia tremendamente valido, una sorta di critica del genere ante litteram, dando a Shyamalan un sapore quasi profetico.

unbreakable

Tutto ciò per un film che, come già detto, sembrava dover nascere e morire in quell’unica pellicola. Per questo nessuno, all’uscita di Split, nel 2016, avrebbe potuto pensare di vedere il film chiudersi con il personaggio di David Dunn, preannunciando uno scontro tra l’eroe interpretato da Bruce Willis e la Bestia di James McAvoy.

Una scena sorprendente come poche altre: vedere Bruce Willis ha richiesto il notevole sforzo di riportare alla mente quella pellicola di sedici anni prima, quel thriller dal gusto eroico, quel curioso mix di generi che tanto era piaciuto all’epoca. Tutto ciò unito ad una pellicola completamente differente: se Unbreakable è un film dedicato all’approfondimento dei personaggi, ad una oscura e costante calma tipica di un thriller classico, Split si rivela un racconto veloce, a tratti confuso, tentando di essere un thriller ma riscoprendosi un action movie dai tratti splatter.

Eppure, in quel finale, due strade si sono incontrate, pronte a confluire in Glass, arrivato nelle sale nel 2019.

split

Se il primo film era dedicato all’indistruttibile David Dunn, e il secondo ha trovato come protagonista le ventiquattro personalità di Kevin Wendell Crumb, il nome sulla locandina parla chiaro: il protagonista è l’Uomo di Vetro, Elijah Price, la mente criminale dietro ai disastri di ormai quasi vent’anni prima, interpretato ancora una volta da Samuel L. Jackson.

Si chiude così il cerchio, donando a ognuno dei tre personaggi “super” di Shyamalan il loro spazio, immergendoli non in un mondo fatto di altre creature sovrannaturali, ma gettandoli in un mondo il più reale possibile. Proprio qui sta la particolarità del lavoro del regista: non porta sullo schermo un mondo fatto di tute appariscenti o calzamaglie aderenti, ma porta in sala la strada, il mondo reale, arrivando a condurre lo spettatore all’interno di un ospedale psichiatrico.

Non ci sono Avengers Tower, non c’è una tecnologia inesistente, non ci sono creature aliene. Ci sono solamente dei personaggi più che umani, all’interno di un mondo fin troppo umano.

glass

Da Unbreakable a Glass – Inizio o fine?

Non si può non notare una forte assonanza con Watchmen, capolavoro fumettistico di Alan Moore, portato nelle sale nel 2009 da Zack Snyder. Anche in ciò la prima pellicola di questa strana “trilogia” è stato un precursore, cogliendo alcuni spunti proprio dal Watchmen fumettistico, e mostrandoci un lavoro cinematografico ispirato proprio da alcune delle atmosfere di Moore.

Non resta dunque che chiedersi se per Shyamalan questa sia “una storia di origini”, da proseguire attraverso altri personaggi e situazioni, creando il proprio universo condiviso, o se sia la conclusione di un percorso iniziato in maniera insospettabile diciannove anni fa, precorrendo i tempi con Unbreakable, per poi cavalcarne pienamente le potenzialità proprio con Glass.

Un percorso tortuoso, in cui diverse strade si uniscono in una curiosa unità, portando a compimento una saga più che inaspettata.

Da Unbreakable a Glass – Trilogia o l’alba di un nuovo universo? 1
Previous

Star Wars, consigli per il rewatch – Quale ordine scegliere?

Ozzy Osbourne, No More Tears – Recensione

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial