Blubar Festival 2021, annullato il concerto dei Jethro Tull a causa Covid

| | ,

L’annunciato concerto dei Jethro Tull, data di apertura della diciannovesima edizione del Blubar Festival 2021 di Francavilla al Mare è stato annullato, come comunicato da BPM Concerti management italiano del gruppo inglese: 

“BPM è spiacente di comunicare che, a causa dell’attuale pandemia globale di Covid-19 e dell’obbligo del governo italiano di mettere in quarantena tutti i visitatori del Regno Unito all’arrivo, il tour estivo dei Jethro Tull in Italia è stato annullato. È possibile richiedere il rimborso dei biglietti acquistati su Ticketone per la data al Blubar Festival 2021 entro e non oltre il 3 settembre”.

Confermati i concerti degli Osanna e di Tullio De Piscopo (5 agosto), di Dolcenera e di Joe Bastianich (6 agosto), del progetto “We can be heroes” con Andy Bluvertigo, Cristian Iansante e i Terzacorsia e di Stef Burns League, (7 agosto), della prima assoluta del Quartetto Meraviglia (Giovanna Famulari, Fabrizio Stella, Nour Eddin Fatty e Massimo Mucci), e del vincitore della Targa Tenco 2021 per il miglior disco Samuele Bersani che concluderà questa edizione l’8 agosto.

Blubar Festival 2021 – Le serate

Il Blubar Festival 2021 aprirà ufficialmente, quindi, il 4 agosto con Talk Rock, una serata a ingresso gratuito, in cui si ripercorreranno gli anni 70 e 80 in compagnia di Francesco Schianchi e il suo “”Libro Lambro.I festival giovanili, sogni e utopie di ieri per oggi” (scritto insieme a Franz Di Cioccio della PFM) e a Stefano Disegni e la sua ultima creazione Fabrizio Ialongo. Il detective col dittongo. Noir e rock ‘n’ roll nei ruggenti anni ’80! Per giovani ignari e gente che c’era!.  Sul palco, insieme ai due scrittori, il direttore artistico del Blubar, Maurizio Malabruzzi.

Francesco Schianchi farà rivivere la forza dirompente degli anni 70 e riaffiorare i ricordi e le emozioni degli eventi musicali che hanno segnato un’epoca, come quello del Parco Lambro, da molti definito la “Woodstock” italiana. Attraverso le parole e le immagini del suo libro ripercorrerà quegli anni così speciali, anche di lotta politica e sociale.

Stefano Disegni, lo scatenato autore di storie Rock-Noir ambientate nei ruggenti anni 80, ci condurrà nel mondo del suo personaggio “il detective col dittongo”, o Bogart de noantri, alle prese con casi tosti ambientati nel mondo musicale di quegli anni. Coinvolte star come Michael Jackson misteriosamente interprete di canti tirolesi, Billy Idol intriso di acqua santa, Jimi Hendrix che riappare a San Giuseppe Vesuviano…

Nella seconda parte della serata il concerto dei Gang, la storica band capitanata da Marino e Sandro Severini, una sorta di carovana di musici “folk combat rock” ribelli che imperversa per i territori del nostro Paese da 35 anni.  In scaletta, oltre ai brani del vastissimo repertorio, quelli dell’ultimo disco Ritorno al fuoco, definito dagli stessi autori “più che un Viaggio, un’altra Odissea. Un Cammino verso il Fuoco…” L’ingresso è gratuito, previa prenotazione su Billetto.it

II 5 agosto del Blubar Festival 2021 un doppio appuntamento: il primo con gli Osanna guidati da Lino Vairetti che festeggeranno i cinquant’anni di attività musicale insieme a un ospite speciale, lo storico leader de il Balletto di BronzoGianni Leone, seguito dal concerto della band dell’eclettico batterista, cantautore e percussionista Tullio De Piscopo. La serata si concluderà con tutti i musicisti di entrambe le formazioni sul palco del Blubar, per un imperdibile, unico e inedito omaggio a Pino Daniele.

Venerdì 6 agosto ancora due concerti: un primo set per piano e voce di Dolcenera, una delle cantanti più rappresentative della scena contemporanea cantautoriale al femminileseguito da quello di Joe Bastianich e il suo speciale mix di sonorità country-rock-folk americane. Il giudice di Italia’s Got Talent, presenterà i brani del suo disco Aka Joe e One City Man, l’instant song, un inno d’amore dedicato alla sua New York, pubblicata a marzo 2021.

Il 7 agosto del Blubar Festival 2021 è la volta di We can be Heroes, con Andy Bluvertigo, l’attore Christian Iansante (doppiatore di Johnny Depp, Christian Bale, Bradley Cooper) e i Terzacorsia che ci racconteranno la storia, le influenze e le connessioni dalla psichedelica al prog attraverso la musica dei Pink Floyd, Radiohead e David Bowie.

Dopo di loro la miscela esplosiva della Stef Burns League, band del chitarrista americano Stef Burns (da anni solista della band di Vasco Rossi), che torna sui palchi live con un nuovo singolo in anteprima, Bringing It On, che dà anche il nome al tour. Con Burns, la bassista Paola Zadra e il batterista olandese Juan van Emmerloot

L’8 agosto, aprirà la serata finale, una produzione esclusiva del Blubar Festival 2021: il Quartetto MeraViglia. Per la prima volta insieme sul palco suoneranno Giovanna Famulari (violoncello, loop, voce), Fabrizio Stella (chitarre, loop, voce), Nour Eddin Fatty (liuto, percussioni, flauti, voce) e Massimo Mucci (cornamusa elettronica).

Come spiega Maurizio Malabruzzi: 

“L’idea mi è venuta in mente durante i lunghi giorni della pandemia: se non si può viaggiare e andare lontano, si può però far viaggiare gli ascoltatori con la musica. Così ho pensato a quattro meravigliosi musicisti: a Fabrizio che ci porterà verso Cuba, a Nour Eddin nel suo Marocco, a Giovanna che rileggerà le sue origini mitteleuropee e a Massimo con la sua cornamusa elettronica verso l’Irlanda e la Scozia… Insomma far interagire quattro stili differenti alla ricerca di un viaggio unico nel mondo.”

L’edizione numero 19 del Blubar Festival 2021 si concluderà con Samuele Bersani e il suo “tour estemporaneo” che attraversa l’Italia e porta la musica – di uno degli artisti più amati di sempre – in un crocevia di suoni, tra le note e le storie dei suoi album precedenti e un piccolo assaggio, in una versione completamente nuova, di alcune ‘sale’ di Cinema Samuele, il suo ultimo apprezzatissimo disco. 

Bersani insieme ai suoi musicisti ridisegnerà nuove traiettorie dei suoi brani: un live inedito, ricco di quelle canzoni fissate nella storia della musica, e un artista che non ha bisogno di artefatti effetti speciali, perché in concerto è esattamente come lo si immagina attraverso i suoi dischi, poetico e diretto, ma capace di colpirti con poche note.

Blubar Festival 2021, annullato il concerto dei Jethro Tull a causa Covid

Il Blubar Festival 2021 di Francavilla al Mare (Chieti), che quest’anno festeggia la sua diciannovesima edizione, partito come una rassegna dei gruppi degli anni sessanta è diventato punto di riferimento per il pubblico di tutta la riviera Adriatica e uno degli eventi musicali più importanti anche a livello nazionale grazie ai tanti artisti scelti, anno dopo anno, dal direttore artistico Maurizio Malabruzzi: da Ron a Massimo Ranieri, da Edoardo Bennato a I Nomadi, dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare a Eugenio Finardi, a Francesco De GregoriRenzo Arbore e L’Orchestra Italiana, fino a Willie NileElliott Murphy…

L’evento si terrà per la prima volta nella nuova Marina, come sottolinea il Sindaco Antonio Luciani:

“Siamo lieti di ospitare il Blubar Festival, appuntamento ormai fisso ed imperdibile nell’estate francavillese di questi anni di rinascita, in una cornice del tutto nuova, quella del Marina di Francavilla. Chiudo dieci anni da Sindaco con una costante che mi ha sempre accompagnato: quella del Blubar Festival con i suoi grandi nomi ed il suo apparato organizzativo lungimirante ed attento. Questo circolo virtuoso non può che proseguire per il futuro, ed auguro al Blubar Festival e a Francavilla altre fortunate edizioni di musica e di allegria”.

Per partecipare a tutti gli eventi è possibile sottoscrivere anche un abbonamento al costo di 38 euro acquistabile presso la biglietteria del Palazzo Sirena oppure online su www.ciaotickets.com/blubarfestival.

Previous

Formula 1 d’autore: pagelle del GP di Gran Bretagna

Ultimo Tango a Parigi di Bertolucci: tra lode ed infamia

Next

Lascia un commento