Primo Maggio 2020, un Concertone speciale ai tempi del Coronavirus

| | ,

Il lockdown non ferma la musica e non ferma gli artisti che hanno voglia ti tornare a cantare per le persone. Così, nell’anno della pandemia da Coronavirus, il Concertone del Primo Maggio 2020 avrà una nuova veste. Rigorosamente senza pubblico, gli artisti della musica italiana si esibiranno sui numerosi palchi italiani per radunare gli spettatori davanti il televisione. Infatti, il Concertone del Primo Maggio dalla storica Piazza San Giovanni di Roma si sposta alla prima serata televisiva di Rai 3 e in contemporanea su Rai Radio2.

Saremo testimoni di numerosi collegamenti: dall’Auditorium Parco della Musica a Roma, dalla Terrazza Martini e dal Museo del 900 di Milano, da piazza Maggiore a Bologna.
“Saranno molte esibizioni di giorno, all’aperto, ma il concerto si fa soprattutto di sera, le luci e gli schermi fanno tanto per lo show”, ha spiegato l’organizzatore di iCompany Massimo Bonelli.

Primo Maggio 2020

Gli Artisti del Primo Maggio 2020

In questa edizione straordinaria che metterà in connessione una serie di piazza virtuali senza pubblico, sarà presente un cast volutamente nazional-popolare , nelle intenzioni degli organizzatori, “virato sul cantautorato. Per uno spettacolo che possa essere per tutti” . Vasco Rossi, Gianna Nannini e Zucchero sono i nomi di punta del cartellone del Primo Maggio 2020.

Ma ci sarà anche la partecipazione di Aiello, Alex Britti, Bugo e Nicola Savino, Cristiano Godano dei Marlene Kuntz, Dardust, Edoardo e Eugenio Bennato, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Fasma, Francesca Michielin, Francesco Gabbani, Fulminacci, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Leo Gassmann, Lo Stato Sociale, Margherita Vicario, Niccolò Fabi, Noemi, Orchestra Accademia di Santa Cecilia, Paola Turci, Rocco Papaleo e Tosca.

L’evento sarà condotto dal Teatro delle Vittorie a Roma, mentre i live verranno realizzati principalmente all’Auditorium Parco della Musica di Roma , dove è installato l’Auditorium Stage Primo Maggio 2020, oltre che in altre location sparse per l’Italia e scelte direttamente dagli artisti: alcuni saranno in diretta, alcuni saranno registrati con attenzione alla sicurezza di tutti. Ci saranno collegamenti con piazza Maggiore a Bologna, con Firenze, con Napoli. Milano sarà protagonista dalla Terrazza Martini, dal Fabrique e dal Museo del Novecento. E si sta lavorando anche per un collegamento simbolico con la piazza vuota di San Giovanni a Roma, per dare un’immagine forte del periodo che il mondo sta vivendo a causa del Coronavirus.

Previous

Della riapertura delle librerie e dell’importanza della cultura anche ai tempi del lockdown

“Obsidian”: il ritorno dei Paradise Lost [Recensione]

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial