“Don’t Stop” e il ritorno (momentaneo) degli Oasis [Testo e Recensione]

| | ,

È uscito a mezzanotte “Don’t Stop”, la pubblicazione di una B-Side degli Oasis, dopo l’annuncio da parte di Noel Gallagher su Twitter. L’ex leader degli Oasis si è procurato una vecchia demo registrata prima che il gruppo si sciogliesse e l’ha messa online

Mercoledì Noel Gallagher, ex capo pensante degli Oasis, band che ha tenuto in piedi in particolare con suo fratello Liam fino al 2009, ha annunciato sui social network di aver ritrovato una vecchia demo del gruppo che ha scritto, composto, eseguito e che credeva “perduta per sempre”.

“Don’t Stop” e il ritorno (momentaneo) degli Oasis [Testo e Recensione] 1

Questa canzone, intitolata “Don’t Stop“, è apparsa in uno dei tanti spazi vuoti su CD che aveva deciso di rispolverare e riascoltare per ammazzare il tempo durante il lockdown. I fan più fedeli avevano già sentito una versione di scarsa qualità su YouTube, dopo una prova prima di un concerto a Hong Kong nel 2009.

“Sappiamo che alcuni di voi adorano questa canzone, quindi l’abbiamo pubblicato per farvi divertire e discutere”,

dice, consapevole di aver svelato la prima canzone inedita degli Oasis dall’ultimo album del gruppo, pubblicato nel 2008, un anno prima della loro sconvolgente separazione a Parigi. È sul plurale maiestatis del “sappiamo” che i fan sono impazziti. “Sappiamo chi? Noel e Liam o Noel e il suo Staff?”.

Nessun accenno ad una réunion tanto attesa da fan e nostalgici della band, ma un primo passo è stato fatto.

Don’t Stop, una traccia mancata di Heathen Chemistry

Quasi cinque minuti, “Don’t Stop” non è datato ma secondo la voce di Noel Gallagher e lo stile preso in prestito, probabilmente risale al tempo degli album “Heathen Chemistry” (2002) o “Don’t Believe The Truth “(2005).

Per gli intenditori del gruppo, evocherà la classica B-Side per eccellenza, cioè “Talk Tonight” o “Half The World Away“. Una linea di chitarra ha persino l’aria di “Champagne Supernova“.

Malinconica, con un ovvio cenno ai Beatles ’65 – ’66 nel mezzo della canzone, con i suoi tamburi tabla-tom tom-tom e l’ottavo mezzo stile George Harrison, Don’t Stop potrebbe accomodarsi facilmente su Rubber Soul o Revolver.

Questo titolo sembra dire le ultime parole di un uomo ai suoi cari prima di morire:

“Arrivederci amici miei, vado / vado a fare festa sulle stelle nel cielo / Quando me ne vado, non smettere di sognare / Non essere triste e non piangere “.

La reunion degli Oasis è alle porte?

La notizia del nuovo singolo ha causato speculazioni sul ritorno della band 11 anni dopo la loro divisione. Noel Gallagher è notoriamente il tipo di pop star enigmatica e inconoscibile che comunica con i suoi fan solo in enigmi impenetrabili, come nella sua recente risposta a una domanda su una possibile riunione degli Oasis: ha descritto suo fratello Liam come “quel fottuto idiota” e ha detto che avevo invece preso in considerazione l’idea di “bruciare la sua casa o distruggere la sua macchina“. Chi può divinare le sue vere intenzioni quando l’uomo misterioso inventore del Britpop rifiuta di parlare chiaramente?

Certamente è fuor di dubbio che Don’t Stop avrebbe attirato lo stesso tipo di attenzione se fosse apparsa quando è stata scritta: non al culmine della prodezza di Noel Gallagher, quando poteva buttare via brani come The Masterplan o Acquiesce sui Lati B, ma verso la metà del primo decennio del 2000, quando gli Oasis sbuffavano fra di loro e sbuffavano anche negli album pieni di riempitivi, un brano come questo avrebbe eccelso.

Detto questo, mentre Don’t Stop non soppianterà mai Live Forever o Slide Away negli affetti della gente, è uno degli sforzi più accattivanti di Gallagher negli ultimi giorni. Cantato da Noel e in gran parte acustico, i suoi accordi discendenti sono stancamente strimpellati, le ombre della chitarra elettrica alla fine si inchinano all’inevitabile e escono con un riferimento dei Beatles: il riff in due minuti viene consapevolmente spazzato via da Let It Be’s Dig a Pony.

Dalla data suggerita da Noel Gallagher e la sua precedente apparizione in una smorzata registrazione del pubblico di un soundcheck del 2009, era inteso che Don’t Stop lottasse per l’inclusione in Don’t Believe the Truth o Dig Out Your Soul, ma si può capire perché ha scelto di rilasciarlo ora.

Il testo potrebbe benissimo lottare con il desiderio di Noel di lasciare la band – “Ciao ciao amico mio, me ne vado” – ma colpiscono una nota malinconica e ottimistica: ci sono molte battute sul non smettere di essere felici e la vita che trattiene la notte.

È più sconcertante il motivo per cui non l’ha rilasciato allora. È sostanzialmente migliore della roba di peso che ha completato gli album finali degli Oasis, anche se Noel Gallagher ha sempre preso l’abitudine di sottrarre canzoni che erano più interessanti di quelle sui loro album, come Talk Tonight. Nel frattempo, nei commenti di YouTube, il tono lirico della canzone ha assicurato che la speranza continui a sorgere in eterno: “Siamo sempre più vicini a riaverli – aspetta e vedi!”; “Il ritorno è su … dai ragazzi!”

Il coronavirus riuscirà davvero a riunire i fratelli Gallagher? Chissà!? Per ora godiamoci la demo “Don’t Stop“.

Don’t Stop, Testo

One, two, three
Two, two, three

Bye bye my friend, I’m leaving

I’m gonna feast on the stars in the sky
And while I be gone, don’t stop dreaming
And don’t be sad and don’t cry
‘Cause lazy days and sunny rays will guide me
Back home where I belong
If God gives me grace, then He will find me a space
And I hope I’ll be singing this song

Don’t stop being happy
Don’t stop your clapping
Don’t stop your laughing
Take a piece of life, it’s alright
To hold back the night

Lazy days and sunny rays will guide me
Back home where I belong
If God gives me grace, then He will find me a space
And I hope I’ll be singing this song

Don’t stop being happy
Don’t stop your clapping
Don’t stop your laughing
Take a piece of life, it’s alright
To hold back the night

From time to time, though we’re whole words apart
You will still hold a groove in my heart
From time to time, we will fall side by side
You’ll still have that look in your eye
Don’t stop being happy
Don’t stop your clapping
Don’t stop your laughing
Don’t stop your laughing
Don’t stop your laughing
Don’t stop your laughing
Don’t stop your laughing
Take a piece of life, it’s alright
To hold back the night

It’s alright to hold back the night

Fabiana Criscuolo
Previous

Havok: L’armonia straziante della rivolta

Viaggio a New York sui luoghi di Gossip Girl

Next

Un commento su ““Don’t Stop” e il ritorno (momentaneo) degli Oasis [Testo e Recensione]”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial