“Per resistere al tuo fianco” – La Municipàl [Recensione]

| |

“Per resistere al tuo fianco” è il nuovo album de La Municipàl, rilasciato oggi – venerdì 18 giugno – e coprodotto da luovo e Artist First. Si tratta del quarto disco della band e rappresenta la chiusura del cerchio del progetto “Per resistere alle mode”, viaggio artistico dei fratelli Carmine e Isabella Tundo intrapreso nel 2020 con la pubblicazione di doppi singoli, ora raccolti insieme ad altri inediti in questo nuova opera.

Le sonorità di “Per resistere al tuo fianco“, rispetto a quelle dei precedenti album, sono molto più vicine all’attitudine live de La Municipàl, evocando con sincerità un modo di fare musica basato sulla ricerca costante della verità e della purezza delle emozioni.

Il disco si apre proprio con la title track, un crescendo strumentale che fa da apripista per la successiva “Per resistere alle mode”, un brano che esalta i difetti, in quanto sono ciò che ci differenziano dagli altri e ci rendono in qualche modo unici.

Segue la ballad romantica, ma allo stesso tempo malinconica, “Se io fossi come te cambierei il mondo”, una dichiarazione d’amore che nasconde un altro significato più profondo, quello della libertà di scelta sulla propria vita.

La terza stagione di Dark”, invece, parla di una storia d’amore che si rincorre negli anni come in un loop temporale, dove ogni fine lascia sempre lo spazio per un nuovo inizio, come si evince anche nella successiva “Finisce qui”, infatti i due brani furono incisi proprio insieme.

Ricordi di una storia passata, confusi da una distruttiva festa tra amici in quella che è la traccia centrale dell’album (e a mio avviso anche la più riuscita), ovvero “L’Orsa Maggiore”. Il “sequel” di questo pezzo, invece, s’intitola “Al diavolo”.

Quando crollerà il governo” parla di amore fraterno. Composta durante un momento difficile per la band, caratterizzato della distanza tra i fratelli Carmine e Isabella Tundo, ci fa capire quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro per non sentirsi “Fuoriposto” (citando la canzone seguente), nonostante si finga di essere forti e di stare bene.

Il disco, infine, si chiude con il doppio singolo “Canzone d’addio/Che cosa me ne faccio di noi”: riuscire a trovare le parole e vomitare in faccia all’altra persona tutta la verità per poi lasciarsi andare è semplicemente la più grande forma d’amore.

A volte la musica diventa un modo per restarsi accanto, per sentirsi meno soli. Nei periodi difficili si riscoprono parti di se stessi che credevamo sopite e ci si rende conto di quali siano le cose che realmente riteniamo più care e importanti.

“Per resistere al tuo fianco” è una dichiarazione di guerra e di amore. Guerra al tempo che passa e all’apparenza, una preghiera laica sulle cose importanti della vita. Un disco da ascoltare dal vivo durante il corposo tour estivo 2021 de La Municipàl che partirà il prossimo 21 giugno da Parigi per poi concludersi nella loro Puglia a Tricase (LE) il 7 agosto.

Lorenzo Scuotto
Previous

Marco Mengoni, il ritorno del Re con Ma Stasera (e un tour negli stadi)

Falene – quando Michele Bravi incontra Sophie and The Giants

Next

Lascia un commento