Una quasi poesia per Gigi Proietti

| |

Da romano mi sento in dovere di omaggiare il maestro Gigi Proietti, da appassionato della commedia, soprattutto quella italiana, mi sento in dovere di omaggiare chi, più di tutti, mi ha avvicinato ad essa, con un articolo “non nella norma”.

In altri casi avrei fatto un semplice articolo, ma per Gigi Proietti non me lo posso permettere. Non mi posso permettere di parlarne “normalmente”, magari anche sforzandomi cercando la parola giusta, per far sembrare l’articolo il più corretto possibile. Mi sento in dovere di fare un articolo di cuore, un articolo di un romano verso un Romano, anzi, una poesia. Quindi, oggi, non scriverò un articolo “nella norma”, scriverò una quasi poesia per “Mandrake”, in romanaccio (molto basico), perchè è una questione di cuore.

Perchè alla fine con Gigi Proietti, per un romano, era ed è tutto, come lui tanti altri attore che hanno fatto grande Roma, che hanno fatto sì che, il romano ed il romanaccio diventassero un patrimonio artistico e nazionale. Perchè è grazie a lui che quando si va in un’altra città la prima cosa che ti viene detta è “ma ci fai l’accento romano?”. Grazie, maesto Gigi Proietti.

Pressapoco ‘sta specie de poesia fa così

A Gì, ma che stai a fa? Ma che ce stai a fa na mandrakata? Ma che ce stai a fa la Mandrakata suprema? Ce voi fa crede veramente te ne sei andato er giorno der compleanno tuo, a 80 anni tondi tondi, in questo anno infame che è il 2020? Dai Mandrà, e nun giocà, ma nun ce poi lascià così. Guarda che io me incazzo eh, guarda che noi nun semo manzotin, guarda che noi nun lavoramo alla macelleria Rinaldi, noi, semo figli tua, nun se giocà così co i pupi tua ao.

Dai Gì, mo arzate, svejete, che è ora de dì che va tutto bene, che quel colpo ar core è stata ‘na fregnaccia, vero che mo te sveji e me dirai “che se dice a Rivombrosa?”. E daje ‘npò conte Duval, che sei sempre stato bravo a recità, dai che me fai piagne, e lo sai che a noi romani poagne nun ce piace popo che no. Gigi sbrighete a svejatte, stanno arrivà i cassamortari, dai te prego, fa ‘nrespiro, come direbbe er sor Mario (Brega), “arzete a cornuto, arzete!”.

E lassateme stà, io voglio restà qua, vicino a lui, come ‘nfiglio o un nipote, che nun vole lascià la mano der padre o der nonno, tanto se sveja, vero che te sveji Gì? A Mandrà è mattina, svejete, Roma sta a piagne, stanno a piagne er Colosseo e er Cuppolone, pure tutti e sette i colli stanno a piagne. NO, SIGNOR CASSAMORTARO! Me lassi ancora co Gigi Proietti, la prego, guardi che è vivo, guardi che er viso suo sta a dì “nun me rompe er cà”.

Vabbè ho capito, nun te sveji, c’hai lassato soli Gigi, m’hai lasciato solo. Promettime na cosa però, che mo che arrivi lassù e te vedrai co albertone, Aldo e Lella, Lando e tutti l’altri, promettice che ce proteggerai a tutti, a Roma e ai romani. Ce devi aiutà Gì, noi qui c’avemo paura, ma nun te rendi conto in che momento c’hai lasciato? ‘Tacci tua Gì, me stai a fa sentì male, malissimo, er core me batte fortissimo, oggi me stai a fa piagnè. Diccello che lo hai fatto apposta, te prego, dicce che lo hai fatto apposta pensando “vabbè ma so romani, se arrangiano”, perché noi qui stamo messi male, noi qui nun sapemo che fa.

Mo aspetti n’attimo signor cassamortaro, ma lassi abbraccià pe n’ultima volta Gigi Proietti, me lassi dì pe n’ultima volta che je vojo e je vorrò sempre bene.

Gigi Proietti

Una quasi poesia per Gigi Proietti 1
Latest posts by Marco Mancinelli (see all)
Previous

Henry Matisse e Mark Rothko: due facce della stessa medaglia

Le radici di Lanthimos: tra Dogtooth e Alps

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial