Torna il 13° Festival del Cinema Spagnolo alla Ex-Gil

| | ,

Al via domani la 13° edizione del Festival del Cinema Spagnolo, organizzato dall’associazione Kiss Me Deadly. Torna come ogni anno l’appuntamento con una selezione di film da non perdere.

Dopo la kermesse sul cinema noir e la rassegna di cinema al corso, con film proiettati all’aperto, sotto il cielo estivo nel rispetto del distanziamento, dal 28 al 30 settembre è la volta di una serie di spettacoli di recente produzione e di alcuni colossal firmati da registi spagnoli noti in tutto il mondo e non.

cinema spagnolo
L’auditorium dell’Ex-Gil, location dell’evento.

A questo link potete prenotare i vostri biglietti per i film del Festival del Cinema Spagnolo che vi interessano, in vendita a partire proprio da oggi.

Qui di seguito invece noi di Shockwave Magazine vi riportiamo la lista dei film che verranno proiettati.

lunedì 28 settembre ore 18:30

O QUE ARDE – Verrà il fuoco, Spagna – 2019

regia di Oliver Laxe con Amador Arias, Benedicta Sánchez, durata 98 minuti

Ramon è un noto piromane galiziano che viene accusato di aver appiccato un nuovo incendio. Lois, giovane pompiere, esplora le profondità della foresta immersa nel fuoco. I loro destini sono legati al potere di un misterioso fuoco.

lunedì 28 settembre ore 21:00

DOLOR Y GLORIA, Spagna – 2019

regia di Pedro Almodóvar con Antonio Banderas, Penélope Cruz, Leonardo Baraglia, Nora Navas, Julieta Serrano, Cecilia Roth, durata 108 minuti

I ricordi si assiepano ovunque nella vita di Salvador Mallo, regista cinematografico, e lo riportano all’infanzia a Valencia negli anni Sessanta, così come agli inizi della sua carriera, nella Madrid degli anni Ottanta.

martedì 29 settembre ore 18:30

TRISTANA, Spagna, Francia, Italia – 1970

regia di Luis Buñuel con Catherine Deneuve, Fernando Rey, Franco Nero, Lola Gaos, Antonio Casas, Jesùs Fernández, durata 100 minuti

Tristana, rimasta orfana, viene presa sotto tutela da Don Lope, un rispettato membro della comunità con qualche lato oscuro. Quando la ragazza si innamora dell’artista Horacio, deve riuscire ad ottenere indipendenza dal suo nefasto guardiano.

martedì 29 settembre ore 21:00

LA HIJA DE UN LADRÓN – La figlia di un ladro, Spagna – 2019

regia di Belén Funes, con Greta Fernández, Eduard Fernández, Àlex Monner, durata 100 minuti

Il film ruota intorno a Sara, una ragazza-madre appena ventenne costretta a far fronte alla sua precaria situazione contando solo su sé stessa: il grande desiderio è ricompattare un nucleo familiare o formarne uno nuovo: avere ciò che ha perso, o meglio ciò che le è stato tolto.

mercoledì 30 settembre ore 18:30

PIAZZOLLA – LA RIVOLUZIONE DEL TANGO, Argentina, Francia – 2019

regia di Daniel Rosenfeld, con Astor Piazzolla, durata 90 minuti

Astor Pantaleón Piazzolla è stato un musicista, compositore e arrangiatore argentino.

Riformatore del tango e strumentista d’avanguardia, è considerato il musicista più importante del suo Paese e in generale tra i più importanti del XX secolo; autore di diverse collaborazioni con artisti di vario genere (tra cui i conterranei Amelita Baltar e Lalo Schifrin, il jazzista statunitense Gerry Mulligan e, per quanto riguarda quelle italiane, Tullio De Piscopo, Pino Presti e le cantanti Mina, Milva e Iva Zanicchi).

Per le sue commistioni di tango e jazz fu il catalizzatore di pesanti critiche rivolte al nuevo tango dai puristi del genere, che lo definirono el asesino del Tango (l’assassino del tango).

mercoledì 30 settembre ore 21:00

VIVIR ES FÁCIL CON LOS OJOS CERRADOS – La vita è facile con gli occhi chiusi, Spagna – 2015

regia di David Trueba, con Javier Cámara, Ramón Fontseré, Natalia de Molina, Francesc Colomer, Jorge Sanz, Adriana Gil, John Lennon, durata 104 minuti

Spagna, 1966: un insegnante di Inglese e Latino, Antonio, intraprende un viaggio in automobile per Almeria, con la speranza di incontrare il proprio eroe, John Lennon. Lungo la strada, l’uomo accoglie in macchina Belèn, una giovane ragazza incinta e Juanjo, un adolescente in fuga.

Tamara Santoro
Previous

The Imitation Game: recensione

The Pretty Things, “Bare as Bone, Bright as Blood”: recensione

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial