I tre Moschettieri – la versione comica di Giovanni Veronesi

| | ,

Di adattamenti cinematografici basati sul romanzo più famoso di Alexandre Dumas, I tre Moschettieri, ne abbiamo visti tanti. Ma prima di pensare di aver visto tutto guardate i film di Giovanni Veronesi e vi ricrederete.

Vincitore del Nastro d’Argento nel 2006 per Manuale d’amore, Giovanni Veronesi può essere considerato l’artefice della cosiddetta commedia italiana, colui che ha firmato alcuni dei film più divertenti degli ultimi anni.

I tre Moschettieri gode di straordinaria popolarità: esistono infatti non meno di 20 versioni, più o meno fedeli. Ciononostante, Veronesi ha saputo trarne una nuova versione, stando attento a non sfiorare il ridicolo e sapendoci regalare sane risate.

Una via di mezzo tra i blockbuster americani e la commedia all’italiana, con un cast di all stars tutto italiano è quello che vi aspetta ne I tre Moschettieri.

Moschettieri del re – La penultima missione, 2018

I tre Moschettieri
D’Artagnan (Pierfrancesco Favino), Porthos (Valerio Mastandrea), Aramis (Sergio Rubini) e Athos (Rocco Papaleo) ne I tre moschettieri.

Il film è un’avventurosa commedia che ha come protagonisti la banda di moschettieri, D’Artagnan (Pierfrancesco Favino), Porthos (Valerio Mastandrea), Aramis (Sergio Rubini) e Athos (Rocco Papaleo), ritratti in chiave prettamente ironica e disincantata, in una serie di avventure nell’intento di salvare il Re Luigi XIV (Marco Todisco). La regina di Francia, Anna d’Asburgo (Margherita Buy), viaggia per convocare nuovamente, dopo molti anni, i moschettieri per una missione contro Mazzarino (Alessandro Haber).

Incontra quindi D’Artagnan, che è diventato un allevatore di maiali, e lo convince a contattare i vecchi compagni. D’Artagnan si reca dunque da Athos, che ormai vive dedito solo al sesso, benché malato di sifilide, per poi andare a rintracciare insieme Aramis, che vive come un frate per sfuggire ai debiti di gioco. Infine vanno da Porthos, ormai dedito all’alcool e all’oppio.

Alla corte reale la regina spiega loro che Mazzarino perseguita violentemente gli Ugonotti e vuole far saltare il porto da cui si imbarcano le stesse famiglie ugonotte per l’Inghilterra. La regina chiede loro di intervenire ed evitare la strage. Dopo aver cenato con Luigi XIV, che risulta essere un sovrano viziato e circondato da numerose cortigiane, partono in missione per trovare Cicognac (Valeria Solarino), la persona che può trasportarli al porto segreto e imbarcarli. Durante il tragitto si fermano in una taverna per la notte, dove affrontano le spie di Mazzarino.

Trovato Cicognac, che in realtà è una donna, si accordano la notte per l’imbarco, ma cadono nella trappola di Mazzarino che, venuto a conoscenza del luogo, manda un gruppo di suoi scagnozzi, che però vengono sconfitti. Mazzarino allora manda la “crepuscolare” Milady (Giulia Bevilacqua), la cortigiana con cui tiene sotto controllo Luigi XIV, che li incontra sulla strada per il porto e finge di essere in difficoltà con la sua carrozza. Aiutata dai moschettieri, Milady prepara loro un tranello durante la notte che, anche in questo caso, non riesce.

Mazzarino riferisce alla regina della morte dei moschettieri, ma lei, incredula, manda Olimpia (Matilde Gioli), la sua ancella, a verificare. Olimpia li trova vivi e Mazzarino, escogitando un tentativo estremo, fa rapire il re dando la colpa agli Ugonotti. Per salvare il re, la regina manda di nuovo Olimpia a rintracciarli. I moschettieri trovano il re al confine con la Spagna e lo liberano, ma Servo Muto (Lele Vannoli), l’aiutante muto incapace di provare dolore che ha accompagnato i quattro moschettieri nella loro missione, si sacrifica per salvare il re.

Eh no, il film non finisce così. Possiamo solo dirvi che vi aspetta un finale a sorpresa.

Tutti per 1 – 1 per tutti, 2020

I tre Moschettieri
D’Artagnan (Pierfrancesco Favino), Porthos (Valerio Mastandrea), e Athos (Rocco Papaleo) in Tutti per 1, 1 per tutti.

Ecco la trama del secondo capitolo che per forza di cose non è potuto uscire nelle sale dei cinema italiani, ma è disponibile in esclusiva su Sky e Now Tv.

Francia, XVII secolo. I quattro moschettieri sono sempre più anziani, Aramis è morto e si è reincarnato in un lupo, D’Artagnan, Athos e Portos benché acciaccati dall’età devono eseguire un’ultima missione prima del pensionamento: la regina Anna di Francia commissiona loro di scortare la principessina Ginevra, figlia di Enrichetta di Inghilterra, al confine con l’Olanda per andare in sposa al futuro re.

Tuttavia durante il viaggio i moschettieri incontrano un servetto di 10 anni di nome Uno, che si innamora perdutamente di Ginevra e vuole sposarla a tutti i costi. Durante il viaggio i tre moschettieri incappano in varie avventure, da Cyrano di Bergerac e la sua banda di briganti, alla scorta di 007 inglesi e alla veggente TomTom, fino a scontrarsi con l’esercito olandese perché i moschettieri decideranno di appoggiare la decisione d’amore di Uno e Ginevra.

Tamara Santoro
Previous

Venezia 78: aperte le iscrizioni dei film per il Festival del Cinema

La discontinuità parte dall’arte: Lady Gaga sbalordisce Capitol Hill

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial