The French Dispatch, il “pazzo orologiaio del cinema” Anderson colpisce ancora | Recensione

| |

The French Dispatch è una romantica ed estetica lettera d’amore al giornalismo e al quotidiano The New Yorker, dove il regista Wes Anderson mette in scena il suo stile magnetico, definito e riconoscibile. Un linguaggio straordinariamente coerente in quello che è un film episodico. 

La nuova fatica di Anderson è una vera meditazione sull’arte e sui processi che portano alla creazione dell’arte; sulle forme che l’arte assume e i modi in cui l’arte si rende esplicita: dalla politica alla cucina. È un inno agli editori e a tutti gli altri che coltivano quello che viene definito “talento creativo”. 

The French Dispatch, il "pazzo orologiaio del cinema" Anderson colpisce ancora | Recensione 1

Veniamo catapultai nella fittizia cittadina francese di Ennui-sur-Blasé nella seconda metà del Novecento. Facciamo la conoscenza della redazione di un giornale, The French Dispatch, il cui direttore è Arthur Howitzer Jr. (Bill Murray). Quando il cronista muore, tutta la redazione decide di riunirsi e dare forma ad un necrologio. 

Dai loro ricordi vengono fuori quattro articoli che danno forma a quattro storie che raccontano viaggi, arte, politica e cucina. 

the french dipatch

La prima storia – Cronista di Biciclette – ci presenta il viaggio di Herbsaint Sazerac (Owen Wilson), che si addentra nei meandri della periferia della cittadina. Il personaggio è una sorta di alter ego comico di Anderson. La seconda storia – Il capolavoro di cemento – segue un pittore, Moses Rosenthaler (Benicio Del Toro), che è in prigione per aver commesso un feroce duplice omicidio. I suoi lavori vengono presi in considerazione da un giovane imprenditore (Adrian Brody). A raccontarci questa storia è la giornalista JKL Berensen (Tilda Swinton) che riesce a catturare l’attenzione del pubblico fin dalle prime battute.

The French Dispatch, il "pazzo orologiaio del cinema" Anderson colpisce ancora | Recensione 2

La terza storia – Revisioni a un Manifesto – ci racconta il maggio francese del ’68 attraverso una storia d’amore tra una giornalista (Frances McDormand) e un giovane studente (Timothee Chalamet), un capitolo che in fin dei conti è un esame sulle proteste studentesche in Francia. La quarta storia – La Sala da Pranzo Privata del Commissario di Polizia – segue le vicende di uno chef (Jeffery Wright) che ci porta a vivere la storia più eccitante e avventurosa del film, tra cucina, rapimenti e droghe. 

È tutto meticolosamente calibrato alle perfezione, dove le quattro storie sono rette ed accostate in maniera sincronica e sopraffina. Le parti si muovono in concerto. La sceneggiatura ci riempie le due ore con eventi ingombranti e pieni di vita, dove le vicende si annidano all’interno delle storie. Non veniamo mai lasciati soli, ma siamo sempre accompagnati.

The French Dispatch, il "pazzo orologiaio del cinema" Anderson colpisce ancora | Recensione 3

La regia è piena di zoom di precisione e carrellate laterali che danno input e precisione al film. Anderson passa dal bianco e nero al colore, giocando allegramente con inquadrature simmetriche, proporzioni interessanti, miniature e sezioni trasversali ripiene di dettagli artigianali. Veniamo catapultati in questo mondo fantastico, un ideale immaginario in cui è davvero divertente sprofondare per due ore. Ogni fotogramma è una delizia visiva.

Troviamo un’imponente colonna sonora di Alexandre Desplat e la fotografia dai colori pastello di Robert Yeoman che è uno splendore per gli occhi. Senza dimenticare il superbo design di produzione di Adam Stockhausen, con i suoi set ingegnosi e le intricate miniature e modelli, vi confesso che solo questo vale il prezzo del biglietto.

the french dipatch

The French Dispatch è un viaggio vertiginoso pieno zeppo di volti familiari in cui gli attori magnifici ci offrono performance deliziose ed eccentriche, d’altronde è tutto quello che ci aspettiamo da un ensemble ben orchestrato da Anderson. Sono conscia che nessun regista vivente ha uno stile visivo più distintivo e accattivante del regista texano. 

In The French Dispatch ho ritrovato tutte quelle caratteristiche che amo dei film di Wes Anderson: una miscela tra il surrealismo ed il reale, elementi nostalgici e presenti, narrazioni intelligenti, dialoghi rapidi ed accattivanti, attori sublimi, storie nelle storie, set teatrali ed orchestrati ad arte. 

Isabella Insolia
Previous

Oscar 2022: l’ultima corsa di Sorrentino – tutti i candidati nelle shortlist

Matteo Zoppis e Alessio Rigo de Righi: “Re Granchio è un film con molteplici piani di lettura”

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial