Old Kerry McKee: dalla Svezia rurale, death metal e folk americano

| |

Old Kerry McKee, artista, one man band dalla Svezia profonda, ha appena pubblicato un album per la label – originalissima – Icons Creating Evil Art, Mono Secular Sounds (qui la recensione). Mescola death metal, suoni lo-fi, col folk più americano e bluegrass. Lo abbiamo incontrato per un’interessante chiacchierata.

Ciao Joakim! Piacere di conoscerti! Come te la passi? Il Covid19 ti ha raggiunto dove vivi in ​​Svezia?

Piacere di conoscerti! Non proprio, dato che vivo in una cittadina molto piccola. Non grossi problemi qui. Vivo in campagna, non ci sono molte persone da contagiare.

Allora, il tuo nuovo album è finalmente uscito. Sei emozionato?

Sì, sicuramente. L’ho registrato nell’aprile dell’anno scorso e da allora ho solamente aspettato.

Immagino che fosse stato riprogrammato più volte a causa di una pandemia …

Sì, l’etichetta discografica pensava che fosse meglio aspettare e far uscire prima alcuni singoli.

Parliamo del nome di questa band, Old Kerry McKee … Come l’hai scelto?

Ho suonato in una band death metal per tanti anni e, un giorno, ho preso la chitarra e ho iniziato a suonare. Penso che sia stata la prima canzone che ho scritto e il testo era di fantasia, parlava di un vecchio, e il titolo perfetto che mi è venuto in mente era Old Kerry Mckee. Ho messo altre tre canzoni su myspace e ho dovuto decidere come chiamarmi come artista … e quella si adattava perfettamente. Infine, l’ho tenuto.

In realtà si sposa molto bene con la tua musica, ricorda la campagna, il bluegrass, le pianure d’America … Come è nato questo sound? Come l’hai concepito – il mescolare generi diversi con il death metal?

All’inizio suonavo metal da così tanti anni, e ho deciso di fare qualcosa di diverso quando ho ascoltato prima musica soul, country e blues – ho deciso di suonare qualcosa del genere. Dato che il mio background era nel metal, ho provato a mixare tutto. Ero in tour con un’altra band svedese, e dopo ho pensato: “Forse dovrei inserire anche altre influenze rock classico”. Mi piace molto anche la musica dei vecchi tempi americana, il gospel … e ho mixato tutto.

E, naturalmente, sei entrato in contatto con questo tipo di musica su Internet.

Sì, Internet mi ha salvato. E vecchi dischi nei negozi.

E dimmi, perché “Mono secular sounds”? Come hai deciso questo titolo apocalittico e fuori dal tempo, che riflette perfettamente l’ambiente sonoro che hai creato?

Per me, “secular” potrebbe essere il titolo di un album, ma anche tre mondi legati a ciò di cui parla Old Kerry Mckee. Secolare è riferito, a me, “non religioso”, laico; “mono” è in contrasto con “stereo”, quindi una registrazione vecchio stile, sensazione di lo fi. I suoni sono esattamente quello che senti. È la combinazione di queste tre parole che mi sembra perfetta.

Inoltre, il tuo stile di registrazione è molto insolito. Le canzoni sono per lo più lo-fi e hai una voce dura e sporca. Sembra che sia artigianale e per questo affascinante. Perché hai deciso di avere un tale stile?

Mi piacciono molto quelle vecchie registrazioni. Quando senti i graffi. Sembra musica puramente viva. Con tutti gli errori, i respiri nel canto … volevo non essere perfetto. Non sono nemmeno un grande chitarrista o cantante. Mi piace il mio stile onesto con i miei errori.

mono secular sounds old kerry mckee recensione

C’è un argomento centrale in Mono Secular Sounds? O è solo un insieme di canzoni che ti è piaciuto?

Ho registrato anche altre canzoni, ma non sono state inserite nell’album. Preferisco fare LP brevi e, inoltre, ci vuole molto tempo per scrivere, registrare e suonare correttamente una canzone quando fai tutto da solo. Ti vengono in mente idee da suonare, cose che si adattino alla batteria, ma hai bisogno di pratica e lavoro – per 8 canzoni c’è molto lavoro.

E il videoclip di Cattle and Wolves? Che finisce con te che distruggi il pianoforte?

Oh, il significato. Dovrebbe esserci, immagino. Nella realtà… è che ho registrato alcuni video, e in ogni video ho avuto l’idea di fare cose pazze, e ho deciso di bruciare tutta quella roba che ho trovato nella cantina di casa mia. Se la vedi in questo modo catartico, i testi di Cattle and Wolves parlano del mio viaggio dall’essere un adolescente cresciuto con il cristianesimo, ad oggi, e così descrive il mio modo di essere religioso per essere un “umanista laico”. Quindi bruci, lasci andare qualcosa. Ma in realtà volevo solo dare fuoco a un organo.

Come hai lavorato con i registi fratelli (Daniel e Simon Blomberg)?

Sì, sono davvero miei buoni amici.

Qual è il tuo rapporto con la tua etichetta, Icons Creating Evil Art? Perché hanno un impressionante torrefattore di artisti emergenti, come Louise Lemòn.

E’ andata così: ho appena finito un tour nel 2018 e ho inviato un’e-mail a un booker a Stoccolma per vedere se posso suonare da qualche parte. Mi ha chiesto se avessi un’etichetta discografica. Ed è stato lui a mandarmi all’ICEA, è stato davvero gentile, devo ringraziarlo davvero. Non mi hanno contattato, è semplicemente piaciuto molto quello che ho proposto. Accettano tutti i tipi di musica “diversa”.

È quello che piace anche a me. Il panorama musicale ora è incredibilmente monotematico, qualcosa di elettronico, qualcosa di no, e ogni volta che sento qualcosa di originale e personale, sono veramente felice. Per quanto riguarda le canzoni in Mono Secular Sounds, c’è qualche canzone che senti più vicina alla tua anima?

In modi diversi, immagino, mi piacciono di più alcune canzoni perché hanno questa sensazione, come Humming on the porch, perché non volevo fare niente di speciale – solo un bel ritornello di quelli che ti rimangono in mente – ma non è stato quando l’ho registrato, non era davvero finito, ma si adatta perfettamente al disco. Perché, sai, quando registri un album ti penti sempre di non aver fatto qualcosa, di non aver aggiunto qualcos’altro, e così via.

Di cosa tratta?

Beh, descrive solo la mia vita qui. Svegliarsi in campagna, andare a prendere un caffè, andare in giardino e vedere i fiori sbocciare, e il coro non è legato a questo.

Dimmi un’ultima cosa. Quali sono gli artisti che ascolti di più? E questo ti ha influenzato di più?

Mmmh. È una domanda difficile. Perché ci sono periodi nella vita. All’inizio ho pensato a Bob Dylan, ma in questo momento non lo ascolto così tanto. Poi Johnny Cash, Williams, 17 horsepower… Adoro anche Nina Simone, ce ne sono tanti. Ascolto anche molto techno, elettronica, dipende dall’umore. È divertente ascoltare le band che conosci, io ascolto anche le band dei miei amici.

Perché pensi che in Svezia esista una scena musicale così vivace?

Non ne sono sicuro ma lo adoro, non sei la prima persona a dirmelo. Quando sono stato negli Stati Uniti un paio di volte, sono rimasto affascinato da quanti musicisti di talento ci siano laggiù. Ma non ho una buona risposta per te. Forse grazie alla nostra educazione musicale al liceo.

E, quando tutta questa pandemia sarà finita, pensi che andrai in tour per la promozione dell’album?

Lo spero davvero. E’ dal 2017 che non suono in tour. Ero speranzoso per quest’anno, ma poi è arrivato il Corona. Speravo davvero di poter andare in tour alla fine di tutto.

Grazie mille Joakim! È stato un piacere chiacchierare con te!

Anche per me!

Versione in inglese dell’intervista ad Old Kerry McKee

Hello Joakim! Nice to meet you! How are you doing? Did Covid19 reach you where you live in Sweden?

Nice to meet you too! Not really, since I live in a very small town. Not big problems here. I live in the countryside, to many people that could get infected!

So, your new album finally went out. Are you excited?

Yes, definitely. I recorded it in April of the last year, and I’ve been waiting since then.

I imagine it had been re-scheduled multiple times due to pandemic…

Yes the record label thought that it was better to wait and let some singles out first.

Let’s talk about the name of this one band, Old Kerry McKee… How did you choose it?

I used to play in a death metal band for so many years, and, one day, I picked up my guitar, and started playing. I think it ws the first song I wrote and the lyrics were fiction, it was about an old man, and the perfect title I came up with was Old KErry Mckee. I put other three songs on myspace, and I had to decided how to call myself as an artist… and that one fit perfectly. Later, I kept it.

Actually it goes very well with your music, it reminds of countryside, of bluegrass, of America lands… How did this sound is born? How did you conceive it – to mix different genres with death metal?

At first, I had been playing metal for so many years, and I decided to do something diffeent when I listent first to soul, country, and blues music – I decided so to play something like that. Since my background was in metal, I tried to mix everything. I was in a tour with another swedish band, and after that I was thinking: “Maybe I should also put some other classic rock influences”. I also really like old time music from America, gospel… and I mixed everything.

And, of course, you got in contact with this kind of music on the Internet.

Yes, Internet saved me. And old records in records store.

And tell me, why “Mono secular sounds”? How did you decide this apocalyptical and out-of-time title – perfectly reflecting the sound environment you created?

For me, “secular” could be a title for an album, but also three worlds related to what Old Kerry Mckee is about. Secular is referred, to me, “non religious”, laicist; “mono” is in contrast to “stereo”, so an old-fashioned recording, lo fi feeling. Sounds is just what you hear. It’s the combination of these three words that sounds perfect to me.

Also, your recording style is very unusual. The Songs are mostly lo-fi, and you have an harsh, dirty voice. IT seems that it’s artisianal, and fascinating for this reason. Why did you decide to have such a style?

I really like those old recordings. When you hear the scratches. It seems purely alive music. With all the mistakes, the breathings in the singing… I wanted not to be like perfect. I’m not even a great guitarist or singer. I like my honest style with my mistakes.

Is there any central topic in Mono secular sounds? Or it’s just an ensemble of song that you liked?

I recorded also other songs, but they didn’t make to the album. I prefer to make short LPs, and, also, it takes a long long time to write, record, and correctly play a song when you’re doing everything by yourself. You come up with ideas to be played, things to fit with drums, but you need practice and work – for 8 songs there’s a lot of labour.

What about the Cattle and Wolves videoclip? That ends with you destroying the piano…?

Oh, the meaning. There should be, I guess. But one thing…is that i recorded some videos, and in every video I had this idea of doing some crazy things, and I decided to burn of all that stuff that I’ve found in the cellar of my house. IF you see in this way, the lyrics of Cattle and Wolves are about my journey from being a teenager grown up with Christianity, to now, and so describes my way from being religious to be a “secular humanist”. So you burn, you let go of something. But actually I just wanted to put an organ on fire.

How did you work with the sibling directors (Daniel and Simon Blomberg)?

Yes, they’re really good friends of mine.

How is you relationship with your label, Icons Creating Evil Art? Because they have an impressive roaster of emerging artists, like Louise Lemòn.

It was like this: I just finished a tour in 2018 and I sent an email to a booker in Stockholm to see if I can play somewhere. He asked me if I had a record label. And it was him to send me to ICEA, he was really nice, I must really thank him. They didn’t contact me, they just really liked what I proposed. They accept all kind of “different” music.

That’s what I like too. Musical landscape now is freakingly monothematic, something electronic, something not, and everytime I hear something original and personal, I’m truly happy. About songs in Mono Secular Sounds, is there any song that you feel closer to your soul?

In different ways, I guess, I like more some songs because they have this feeling, like Humming on the porch, because I wanted to do nothing special – just a nice chorus that got stuck in your mind – but it wasn’t when I recorded it, it wasn’t really finished, but it fits perfectly on the record. Because, you know, when you record an album you always regret not to have done something, not to have added something else, and so on.

What’s about?

Well, it just describes my life here. Waking up in the countryside, going to take a coffee, going to the garden and see the flowers blooming, and the chorus is not related to this.

Tell me one last thing. Who are the artists that you listen to most? And that influenced you most?

Mmmh. It’s an hard question. Because there are periods in a lifetime. At first, I thought about Bob Dylan, but I dont listen so much to him right now. Then Johnny Cash, Williams, 17 Horsepower… I love also Nina Simone, there are so many. I also listen to a lot of techno, electronic, it depends on the mood. It’s fun to listen to band you know, I use to listen also the my friends’ bands.

Why do you think that in Sweden there’s such a lively musical scene?

I’m not sure but I enjoy it, you’re not the first person to say me that. When I’ve been in the States a couple of times, I’ve been fascinated by the talented musicians over there. But I don’t have a good answer for you. Maybe thanks to our high school music education.

And, when all of this pandemic will be over, do you think you will go out on tour for album promotion?

I really hope so. I had to play on a tour since 2017, since I had kids, renovating house… I was looking forwards for this year, but then corona happened. I really hoped that afterwards I would be able to get on tour.

Thank you so much Joakim! It was a pleasure to chat with you!

Giulia Della Pelle
Latest posts by Giulia Della Pelle (see all)
Previous

Grand Army, la nuova teen serie Netflix: non si scherza per gli adolescenti in difficoltà di Brooklyn

Blue Thunder – la prima volta del teatro in streaming

Next

Un commento su “Old Kerry McKee: dalla Svezia rurale, death metal e folk americano”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial