Grammy 2021: Beyoncé potrebbe battere il record mondiale di George Solti

| | ,

Con 9 nomination ai Grammy 2021, Beyoncé potrebbe diventare non solo l’artista donna più premiata di sempre, ma anche quella più premiata di sempre nella storia degli Awards.

Sono state annunciale le nominations per la 63esima edizione dei Grammy Awards, in programma a Los Angeles il 31 gennaio. Grazie al suo ultimo progetto discografico Black Parade, la stella indiscussa dell’R&B ha ottenuto ben nove candidature. Tra queste ci sono quelle nelle categorie più importanti: Record of the Year e Song of the Year. Ad ostacolare il cammino verso il record di Beyoncé non sono di certo le prime arrivate. Infatti stiamo parlando delle star Taylor Swift e Dua Lipa, che si sono aggiudicate sei candidature a testa.

Beyoncé punta alla storia dei Grammy Awards

Quella di Beyoncé è una carriera stellare, che le ha permesso di vincere finora 24 Grammy Awards, 19 dei quali da solista. Un numero impressionante, difficilmente replicabile da chiunque, che la vede seconda per numero di vittorie solo ad Alison Krauss tra le artiste femminili. Tuttavia quello in programma il prossimo 31 gennaio è un appuntamento con la storia che potrebbe portare Beyoncé sul tetto dei premi oscar della musica. Con le sue nove candidature ottenute potrebbe diventare l’artista donna più premiata della manifestazione. Infatti le bastano quattro grammofoni per superare i 27 premi di Alison Krauss.

Ma sono sicura che Beyoncé vede ancora più su. Vede alla cima, a George Solti, direttore d’orchestra ungaro-britannico che ha attualmente il maggior numero di premi vinti. L’artista conserva il primato ai Grammy Awards, con 31 premi vinti. Se Queen Bey dovesse fare l’en plein e portarsi a casa tutti e nove i grammofoni (o anche solo sette), potrebbe eguagliare o superare Solti. Diventando l’artista che ha vinto di più nella storia dei premi.

Come andranno i premi non lo sappiamo, in ogni modo le nove nomination fanno già oggi di lei l’artista donna con più candidature nella storia dei Grammy: 79 finora, alla pari con Paul McCartney per il secondo posto in classifica dietro suo marito Jay-Z – che quest’anno ha ottenuto tre candidature – e Quincy Jones, entrambi candidati 80 volte. Per quanto riguarda quast’anno, Beyoncé dovrà comunque vedersela con Dua Lipa, Roddy Rich e Taylor Swift, che hanno 6 nomination a testa. Seguono il gruppo, con 4 nomination a testa, Justin Bieber, DaBaby, Billie Eilish e Megan Thee Stallion.

Tra musica e moda: sempre sulla cresta dell’onda

Beyoncé è tra le artisti più complete e mi amate del XXI° secolo. Il suo percorso musicale comincia come membro fondatore del girl group Destiny’s Child, famoso e pluripremiato trio R&B, e nel 2003 ottiene grande successo da solista pubblicando, durante una pausa del gruppo, il suo primo album Dangerously in Love. Dopo lo scioglimento del gruppo, nel 2006 pubblica il suo secondo album, B’Day, che ha debuttato alla posizione numero 1 della Billboard 200.

In tutto il mondo Beyoncé ha venduto un numero di circa 60 milioni tra album e singoli con le Destiny’s Child e 118 milioni da solista. Tanto che la rivista musicale statunitense Billboard l’ha eletta Artista Femminile del Decennio 2000-2010, mentre il quotidiano inglese The Guardian l’ha incoronata Artista del Decennio. Secondo la rivista americana Forbes, con un ricavo di quasi 110 milioni di dollari, Beyoncé ed il marito Jay-Z sono risultati essere la coppia più pagata del 2017, oltre ad essere la 6ª più ricca al mondo, con 450 milioni di dollari guadagnati nell’anno precedente.

Oltre alla sua carriera musicale, Beyoncé ha altri mille interessi. Infatti è anche attrice e stilista: la sua recitazione nel film Dreamgirls le ha regalato 2 nomination ai Golden Globe; nel 2005 ha creato la sua linea di moda, la House of Deréon e nel 2010 anche una sua linea di profumi. Nel 2016 ha creato la linea sportiva d’abbigliamento Ivy Park, dedicata alla figlia.

Isabella Insolia
Previous

Evanescence: il 26 marzo 2021 esce The Bitter Truth, il nuovo album della rock band

Oscar 2021: niente streaming. La cerimonia sarà dal vivo

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial