X Factor 2019, prima puntata di auditions: un talento per categoria

| |

Al via la tredicesima edizione di X Factor con la prima puntata di audizioni. Ecco il miglior talento per ciascuna categoria e l’esibizione trash di Valentina Mazza

Il 12 settembre si è conclusa la prima puntata di audizioni del talent show più amato dal pubblico italiano, in onda su Sky Uno in prima serata.
Alle 21.30 è salito sul palco l’immancabile Alessandro Cattelan, che con il suo coinvolgente entusiasmo ha dato ufficialmente inizio alla tredicesima stagione di X Factor (la sua ottava alla conduzione).

Cattelan ha subito spiegato la novità di quest’anno: i concorrenti che alle audizioni riceveranno quattro sì accederanno di diritto ai bootcamp. Quelli che riceveranno tre sì su quattro, invece, non avranno la certezza di accedere alla fase successiva. Sarà al termine delle tre puntate di audizioni che i giudici si riuniranno per scegliere i cantanti davvero meritevoli di accedere alla durissima sfida delle sedie.
Tanti i concorrenti che si sono presentati davanti ad una giuria quasi completamente nuova, composta dalla veterana Mara Maionchi al fianco delle new entry Malika Ayane, Sfera Ebbasta e Samuel, frontman dei Subsonica. Tra un caso umano e l’altro si sono esibiti diversi talenti da tenere sott’occhio, che faranno sicuramente parlare di sé durante le varie puntate. 


Il miglior talento per ciascuna categoria

Prima tra tutti, per il team delle under donne, Sofia Tornambene, in arte Kimono, la sedicenne dalla voce dolce e pulita che ha incantato il Pala Alpitour di Torino con il suo inedito “A domani per sempre”. In due minuti di esibizione ha mostrato di avere una scrittura spaventosamente matura per la sua età e una musicalità tale da coinvolgere chiunque. Sofia qualche mese fa ha partecipato a Sanremo Young con Antonella Clerici, classificandosi al terzo posto. 
Tra gli under uomini impossibile dimenticare Salvatore Medica che, dopo essersi presentato sul palco definendosi un c*******, ha lasciato tutti a bocca aperta: mai ci si sarebbe aspettati una voce tanto potente e graffiante né un inedito tanto strutturato dal punto di vista melodico.

I giudici gli hanno dato quattro sì, facendolo passare di diritto ai bootcamp, ma lo hanno “rimproverato” per essersi presentato sul palco facendo il finto simpatico e lo sfigato di turno. Queste le parole di Malika: “Mi devi promettere che ti togli il fenomeno della sfiga, non serve a niente e alla gente i fenomeni della sfiga che poi si svegliano e cantano da paura piacciono per due canzoni. Poi si stufano e vogliono delle persone in cui immedesimarsi. E’ sempre meglio un coglio.. che non è più un coglio.. che ha trovato la sua strada e fa stare bene gli altri grazie a quello che ha capito di sé.”

Particolare è stata l’esibizione di Eugenio Campagna, in arte Comete, per la categoria over. Si è presentato come cantautore ma ha deciso di farsi conoscere con una cover, “Yellow” dei Coldplay. L’esibizione non è stata delle migliori: ci sono state diverse imprecisioni ed è stata piuttosto piatta, non trasmettendo chissà quale emozione.
Per fortuna Malika, curiosa di sentirlo in qualcosa di più “suo”, ha chiesto un assaggio di un suo inedito e Eugenio ha così rivelato il suo potenziale con “Glovo”. Ha raccontato di averlo scritto in un momento in cui si sentiva particolarmente solo, poco dopo essersi lasciato con la persona che amava: “Cucinare insieme è bello, mangiare da soli non è proprio uno spettacolo” dice, spiegando il titolo del brano.
Tra i gruppi si sono distinti i Booda, composto da tre ragazzi romani che suonano insieme da solo un paio di mesi. Sono coinvolgenti, energici e a loro agio sul palco. 

Il trash della prima puntata 

Come ogni puntata di auditions che si rispetti, non poteva mancare l’esibizione trash, lo show comico e divertente che viene ricordato in particolare in rete collezionando migliaia di views.
Ieri è stato il turno di Valentina Mazza, che ha portato un suo inedito dal titolo “Cubista”, in difesa della professione: “Io faccio la cubista, non la spogliarellista”, recita il ritornello. 
La performance non è stata (inspiegabilmente) apprezzata dai giudici che hanno votato quattro no, e Valentina, sconsolata e offesa, ha lasciato il palco sostenendo di non comprendere il motivo di tale verdetto: “Non capisco, la mia canzone è piaciuta a tutti i miei amici”
Le sarà tornato il sorriso qualche ora dopo, vedendo che il brano aveva fatto impazzire i social ed era già virale sul web, decretandola la reginetta del trash.

Prossimi appuntamenti

Per altri due giovedì X Factor trasmetterà le auditions che sono state fatte durante l’estate in giro per l’Italia. Il 3 ottobre ci saranno i bootcamp e il 17 ottobre gli home visit; il primo live è previsto per il 24.

X Factor 2019, prima puntata di auditions: un talento per categoria 1
Previous

I, The Mask , e il ritorno degli In Flames

X Factor 2019, seconda puntata di auditions

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial