Festival di Sanremo: Arisa tra lustrini e paillettes, smalti semipermanenti e canzoni che restano, come i suoi look

| |

Le artiste femminili che partecipano al Festival di Sanremo si contano sulle dita di una mano, e quest’anno non ha fatto eccezione. D’altronde del caso Sanremo ve ne avevamo già parlato in precedenza in occasione di un approfondimento sul divario di genere nell’industria musicale (lo ritrovate qui)

Tornando a noi, Sanremo non è solo una vetrina musicale da dove sono partiti alcuni dei più grandi artisti italiani o dove sono state scoperte le promesse della musica italiana contemporanea, ma è anche una vetrina di moda. E spesso, soprattutto ultimamente, capita di spostare l’attenzione sui look degli artisti in gara piuttosto che concentrarsi sul testo della canzone e sull’interpretazione. 

Festival di Sanremo 2021: i look più discussi

Quest’anno in molte hanno dovuto subire la stessa sorte. Annalisa è stata “accusata” di aver portato sul palco look troppo osé, Noemi è stata oggetto di commenti spiacevoli nei confronti della sua “metamorfosi”, e poi c’è lei, Arisa, la prima Big in gara ad inaugurare la 71° edizione del Festival di Sanremo e il suo smalto semipermanente che ha monopolizzato i social network. 

Le unghie extra long in semipermanente di Arisa: le regine di Twitter

Arisa ha raggiunto il successo proprio sul palco di Sanremo partecipando al 59º Festival nel 2009 con il singolo Sincerità, e con il quale vinse della categoria “Nuove Proposte”.

Nel corso della sua carriera Arisa si è aggiudicata in due occasioni la vittoria al Festival di Sanremo, la prima nel 2009 appunto, anno in cui ha vinto come esordiente, e nel 2014, trionfando nella categoria con il brano Controvento

Ha inoltre partecipato, sempre nella categoria “Campioni”, rispettivamente nel 2010 con Malamorenò (9º posto), nel 2012 classificandosi seconda con La notte, vincitore di un Sanremo Hit Award come singolo sanremese più venduto di quell’edizione, nel 2016 con Guardando il cielo (10º posto) e nel 2019 con Mi sento bene (8º posto).

Qualche anno fa, sul palco di Sanremo ha rivestito anche i panni di co-conduttrice nel corso della 65ª edizione del Festival. 

Arisa può considerarsi insomma una veterana della rassegna musicale la quale ha calcato quel palco in tutte le vesti possibili. 

Quest’anno Arisa si è classificata al 10° posto della classifica generale con il brano Potevi fare di più, una canzone struggente e malinconica scritta per lei da Gigi D’Alessio, che racconta il dolore di un amore finito. 

Per la sua prima performance si è presentata sul palco del Teatro Ariston con un tailleur rosso fuoco firmatoMaison Margiela. Un look total red quindi per Arisa che però ha attirato l’attenzione del pubblico a casa per un dettaglio in particolare: le sue unghie lunghissime in semipermanente, dello stesso colore del completo.

“Tutta l’esibizione di Arisa passata a guardarle quelle unghie, ho ascoltato letteralmente il nulla della canzone” 

è solo uno dei commenti degli utenti del web per farvi un esempio. 

Arisa

Le unghie extra long coperte in semipermanente sono però molto amate anche oltreoceano e per di più poco dopo sul palco di Sanremo anche Achille Lauro si è presentato con unghie vistose sui toni del blu. 

Insomma, con unghie del genere, è letteralmente impossibile passare inosservati. 

Nonostante queste nail art possano sembrare impossibili da riproporre a casa, esisitono numerosi tutorial su come effettuarli, anche in soli 30 min, una manicure destinata a durare fino a 5 settimane grazie ai prodotti giusti. 

Per quanto riguarda la loro praticità, vi consigliamo di mantenervi su forme un po’ più pratiche rispetto agli scenografici artigli di Arisa, soprattutto se picchiettate la tastiera del pc tutto il giorno, se siete circondati da bimbi piccoli e se nel vostro lifestyle sono concessi solo look pratici e sportivi. 

Previous

Grammy 2021: Beyoncé nella storia dei premi. Alle donne i riconoscimenti più importanti

Le indagini di Lolita Lobosco [Recensione]

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial