Squid game, fenomeno mondiale direttamente dalla Corea del sud

| | ,

Squid Game (lett. “Il gioco del calamaro”), è una serie televisiva sudcoreana scritta e diretta da Hwang Dong-hyuk, pubblicata da Netflix in tutto il mondo a partire dal 17 settembre, conta 9 episodi ed è diventata un vero e proprio fenomeno mondiale facendosi conoscere in tutto il mondo e risultando il prodotto più visto in vari paesi.

Squid Game
Il protagonista della serie

Una lotta per la sopravvivenza senza pietà.

La premessa della serie è molto semplice: 456 persone piene di debiti e con molti problemi di soldi vengono invitate a partecipare ad una serie di giochi con in palio quarantacinque miliardi di Won (circa 33 milioni di euro) per chi li vincerà tutti, l’unico problema per i partecipanti è che i giochi sono mortali.

Il protagonista è Seong Gi-hun, un uomo sommerso dai debiti che non riesce nemmeno a badare alla propria figlia. Un giorno mentre è in metro viene avvicinato da uno sconosciuto che gli fa una proposta alquanto strana: partecipare ad una serie di giochi per poter vincere dei soldi, l’uomo accetta subito.

Seong si ritroverà così a partecipare agli Squid Game: una serie di giochi infantili con risvolti di morte e violenza. oltre a lui ci partecipano altre 455 persone con altri problemi economici: tutti vogliono quei soldi ma non sanno cosa li aspetta per poterli vincere.

Squid game, fenomeno mondiale direttamente dalla Corea del sud 1

Squid game: personaggi reali in una storia dai risvolti incredibili.

La trama della serie Netflix è molto semplice ma nonostante ciò è ricca di colpi di scena e di plot twist inaspettati. Il materiale di partenza è qualcosa di risentito e rivisto, soprattutto per chi mangia pane e manga, ma viene comunque sviluppato in maniera veramente perfetta.

Uno dei punti di forza della serie sono sicuramente i personaggi, ovviamente non vengono sviluppati tutti i partecipanti ai giochi ma la cerchia dei protagonisti è veramente ben caratterizzata, la scrittura è semplice ma comunque perfetta. Tutti i personaggi più importanti vengono sviscerati soprattutto al livello psicologico ed emozionale facendo un lavoro fantastico di caratterizzazione.

La serie inoltre presenta una buna dose di violenza che però non risulta mai esagerata o fastidiosa in alcun modo: ogni schizzo di sangue che si vede è usato al momento giusto che con la quantità giusta, non si prova mai un senso di ribrezzo o altro.

Lungo il corso di Squid Game sono presenti più colpi di scena, alcuni più telefonati mentre altri sicuramente inaspettati: il punto di forza della trama della serie non è la genialità della premessa ma piuttosto come questa viene sviluppata e portata avanti.

Squid game, fenomeno mondiale direttamente dalla Corea del sud 2

La serie sudcoreana è un successo mondiale inaspettato ma sicuramente ben meritato.

Sono svariati anni che Netflix ha cominciato a pubblicare diversi kdrama (serie tv coreana con determinati standard), alcuni anche di buon livello ma nessuno aveva effettivamente sfondato il muro della diffidenza e riuscendo ad imporsi anche a chi il genere non l’ha mai visto: Squid Game c’è riuscito.

Sicuramente uno dei motivi è il tema di fondo: una serie di giochi organizzati da persone ricche per spingere chi vive ai margini della società a dimostrare cosa è in grado di fare per soldi. Questa premessa per quanto non sia nulla di incredibile comunque in questo periodo risulta molto attinente per via della crisi globale che stiamo attraversando.

Altro punto di forza è sicuramente l’ambientazione e gli usi dei protagonisti, chiunque non è coreano rimarrà sicuramente folgorato dagli ambienti proposti e dagli usi e le tradizioni dei personaggi, dal modo di parlare al modo di agire. Squid Game ha anche il merito di aver avvicinato molte persone alla visione in lingua originale: in vari paesi infatti la serie non è stata ancora doppiata e quindi chi l’hai vista ha dovuto farlo in coreano con i sottotitoli.

Potrebbe interessarti anche https://shockwavemagazine.it/cinema-serietv/luna-park-netflix-recensione/

Gianmarco Mei
Previous

Luna Park, la Roma degli anni Sessanta nella nuova serie Netflix | Recensione

Zerocalcare – Strappare lungo i bordi sarà disponibile da novembre

Next

Un commento su “Squid game, fenomeno mondiale direttamente dalla Corea del sud”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial