Thor Love & Thunder – Recensione

| | ,

Thor torna al cinema, e lo fa con il quarto capitolo del suo franchise, Thor Love & Thunder, in sala dal 6 Luglio. Taika Waititi è di nuovo alla regia, dopo Thor Ragnarok, e stavolta si occupa anche della sceneggiatura. Tornano nei loro ruoli sia Chris Hemsworth, come Thor, sia Tessa Thompson, come Valchiria. Un gradito ritorno è il Premio Oscar Natalie Portman, che nei primi capitoli della saga aveva dato il volto alla dottoressa Jane Foster. Nel ruolo di un inarrestabile nemico troviamo Christian Bale: a lui il compito di dare vita a Gorr, il terrificante Macellatore di Dei.

Il film arriva a soli due mesi di distanza da Doctor Strange in The Multiverse of Madness, e riporta in scena le avventure del figlio di Odino, assente dalle scene da Avengers Endgame. Abbiamo visto il film in anteprima, e in questa recensione ne parleremo evitando qualsiasi genere di spoiler.

thor love & thunder

Una rapida sinossi

Thor è nello spazio, pronto a vivere avventure insieme a i Guardiani della Galassia. Sulla Terra nel frattempo la popolazione di Asgard si è ben amalgamata, e New Asgard è diventata una importante meta turistica. Ed è proprio da questa situazione di serenità che emerge una terribile minaccia, quella di Gorr, il Macellatore di Dei. Il suo obiettivo è quello di sterminare qualsiasi divinità che viva all’interno dell’universo.

Per Thor si preannuncia un nuovo e epico scontro, accompagnato stavolta non solo da Valchiria, ma dalla Potente Thor, la dottoressa Jane Foster, suo grande amore. Mijolnir, spezzato da Hela in Ragnarok, è in qualche modo tornato integro, ed è ora impugnato proprio da Jane.

thor love & thunder

Un film riuscito

Waititi dirige un film che è il degno sequel di Thor Ragnarok. Si mescola ancora una volta epicità e comicità, realizzando un equilibrio che tanto è apprezzato dai fan del Marvel Cinematic Universe. Ci sono i momenti in cui si ride, quelli in cui ci si esalta, e quelli in cui ci si commuove. Si tratta di un film decisamente completo, un’ottima prova da parte del regista. Il ritmo è ben cadenzato, e non si ha la sensazione di vedere un film troppo veloce. Ogni sequenza ha i suoi giusti tempi.

Natalie Portman torna nel ruolo di Jane Foster, e accompagnata da una scrittura di livello più alto rende il personaggio decisamente più interessante e carismatico. Christian Bale è una aggiunta davvero notevole a questa pellicola, con un personaggio tormentato e ben approfondito, il degno nemico per un personaggio come Thor. Hemsworth ormai è pienamente a suo agio con un eroe che gli è stato letteralmente cucito addosso, e lo stesso vale per Tessa Thompson.

thor love & thunder

La colonna sonora è uno degli elementi chiave di Thor Love & Thunder, come già avevamo avuto modo di vedere in Thor Ragnarok. Waititi ha acquisito molto bene la lezione di James Gunn e dei suoi Guardiani della Galassia, e si è divertito a inserire famose tracce degli anni ’80 per accompagnare la narrazione. Alcune scene diventeranno dei sicuri cult.

Buono il lavoro degli effetti speciali, con una CGI di alto livello e una perfetta resa di ogni singolo ambiente. Le coreografie dei combattimenti sono facili da seguire e non c’è alcun tipo di confusione durante le scene. Ottime le scenografie, con vari stili che si mescolano tra di loro, unendo il fantasy dei racconti asgardiani alla fantascienza tipica di questi film.

thor love & thunder

Da vedere?

Chi ha amato Thor Ragnarok resterà in estasi dopo la visione di Thor Love & Thunder. E anche chi non è stato colpito dal capitolo precedente potrebbe trovare degli elementi in grado di ravvivare il proprio interesse.

Thor Love & Thunder funziona dall’inizio alla fine, diverte e intrattiene, e porta un nuovo livello di approfondimento per i personaggi di questo franchise. Un’esperienza che merita la visione cinematografica, per la grande capacità di coinvolgere lo spettatore, per portarlo all’interno di grandi battaglie e di nuove quanto affascinanti ambientazioni.

Thor Love & Thunder è nei cinema italiani dal 6 Luglio.

Thor Love & Thunder - Recensione 1
Previous

Formula 1 d’autore: pagelle del GP di Gran Bretagna

Gli Editors tornano in Italia per tre date del tour

Next
Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial