Consigli e sconsigli – le serie tv di febbraio

| |

Anche in questo fine febbraio, Consigli e Scosigli torna con una nuova valutazione delle serie tv!

TRIBES OF EUROPA: Dagli stessi produttori di Dark, arriva su Netflix questa nuova serie tv dal trailer accattivante e coinvolgente. Ma Tribes of Europa ha lasciato solo un amaro in bocca, anzi forse più sapore insipido. Nulla di nuovo, tutto già visto. Nel 2074 tre fratelli si trovano a lottare per la sopravvivenza in un mondo ormai allo sbando governato di varie tribù e da essere sconosciuti che hanno invaso il pianeta.Tutto già visto e vi do anche un titolo: The Colony.  VOTO: 4.5

AJ AND THE QUEEN: È un prodotto Netflix che sfortunatamente è stato fermato dopo la prima stagione. Il viaggio di Robert, in tour per l’America per racimolare più soldi possibili dopo esser stato derubato dal suo fidanzato-truffatore. Nel suo viaggio Robert è affiancato da AJ, una bambina decisa a trasferirsi a casa di suo nonno in Dallas. Gli episodi, dieci da un’ora l’uno, scorrono fluidamente anche se la storia inizia a farsi più intrigante dopo la prima metà delle puntate. Un prodotto riuscito, leggero ma serio. VOTO: 7

CITTÀ INVISIBILE: Ogni volta che do fiducia ad una serie tv brasiliana rimango sempre delusa. Una trama che poteva avere del potenziale che però non è stato sviluppato o forse non trovato e affondando ancor di più in un no-sense con dialoghi al quanto meccanici e scontati. Sette puntate che fanno fatica a decollare e a tenerti concentrato. VOTO: 4

Consigli e sconsigli - le serie tv di febbraio 1

L’ESTATE IN CUI IMPARAMMO A VOLARE: È la storia di Tully e Kate, due ragazze così completamente differenti ma così unite. Ed è proprio questo rapporto il fulcro della serie; tra passato e presente il loro legame continua a svilupparsi costantemente, anche dopo risvolti spiacevoli le due amiche sono sempre presenti una nella vita dell’altra. VOTO: 7.5

THE GOOD PLACE: Torna The Good Place con l’ultima stagione. Se prima l’ironia era il punto di forza della comedy ora ciò che risalta è sicuramente l’elemento luttuoso. Ma tutto è pronto a tornare al punto di inizio: dopo tutta la filosofia studiata nei capitoli precedenti i protagonisti sembrano esser capaci di intendere e di volere – ma soprattutto di scegliere – il proprio destino. VOTO: 8

Beatrice Sacco
Previous

Alice Cooper: Detroit Stories [Recensione]

Ron Howard – il regista delle emozioni forti

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial