Emilia Clarke, compie 34 anni la madre dei draghi

| | ,

Emilia Clarke è nota sicuramente al grande pubblico soprattutto per aver interpretato il personaggio più controverso nella serie fantasy Il trono di Spade, quello di Daenerys Targaryen, nata dalla tempesta. Oggi questa meravigliosa attrice nonché donna straordinaria compie 34 anni.

Emilia Clarke ha interpretato uno dei ruoli più affascinanti della storia della letteratura e della Tv, un’icona, un esempio di bellezza e umanità che potremmo incontrare nella vita di tutti giorni. Celebriamo “la madre dei draghi” e la sua straordinaria interprete.

Ottenere il ruolo della vita a soli 23 anni, affrontarlo con costanza e convinzione nonostante le difficoltà, i lutti e le malattie, diventare famosi interpretando un eroina scaturita dalla penna di uno scrittore non è da tutti ma Emilia Clarke ci è riuscita. Daenerys ed Emilia hanno convissuto per undici anni, fianco a fianco e il personaggio ha cambiato l’attrice e viceversa.  

“Quando la serie è finita, è stato come uscire da un bunker. Sembrava tutto davvero strano. Ovviamente, anche per il contraccolpo che ha avuto”.

Il finale della serie, inaspettato e spiazzante ha sconvolto tutti, in primis la sua interprete che si è dichiarata sconvolta ma che ha accettato e rispettato la decisione di Benioff e Weiss di trasformarla in una piccola “dittatrice vendicativa”.

Emilia Clarke
Emilia Clarke nei panni della madre dei dragoni Daenerys Targaryen,

Ma chi è Daenerys e cosa è stata per i fan di Game of Thrones in queste otto stagioni? È La stessa Emilia Clarke a darci la risposta:

“Direi che mi ha insegnato cosa significa avere le pa**e per una donna. Daenerys mi ha insegnato com’è essere in una stanza e far sentire la propria voce. Portava con sé questo grande potere, questa calma, questa compostezza. Aveva un’intensità ferina e ha preso delle decisioni davvero difficili. Nella stagione 3 ha dovuto iniziare a mostrare gli attributi e io, una venticinquenne di fronte a 500 comparse, 150 membri dello staff, 6 videocamere, un drone, dei draghi e del fuoco, dovevo fare in modo che questo trasparisse. Mi sono detta che, se ci fossi riuscita, nessun red carpet mi avrebbe più fatto paura”.

Per quei pochi che ancora non avessero visto la serie è bene fare un recap: Daenerys è l’erede al trono di spade in esilio che compirà un viaggio di presa di coscienza di sé e del proprio potere per riconquistare il trono che fu sottratto, con l’inganno, a suo padre. Sia nel libro che nella serie Tv assistiamo alla trasformazione di una ragazzina in donna, di una piccola erede insicura in una regina a tutti gli effetti.

Donna indipendente, sfortunata in amore (il suo primo e unico amore Drogo, morirà in circostanze terribili lasciandola sola e sterile), Daenerys è sensibile alle ingiustizie sa che non potrà mai essere madre ma ha tre “figli”, tre piccoli draghi che ha cresciuto e che saranno il suo riscatto al momento opportuno. La parabola del personaggio è chiara, decisa e, come solo Martin sa fare (sembra che ci siano state delle sue direttive sulla scelta finale), l’epilogo ci lascia con l’amaro in bocca perché Game of Thrones non è una favola ma è così crudelmente legato al reale da infastidire chi lo segue.

Le otto stagioni di Game of Thrones sono andate in onda su HBO dal 2011 al 2019. A dicembre, il mercato italiano ha accolto il cofanetto su DVD (e Blu-Ray) che include tutti gli episodi, oltre a tutti i dietro le quinte e all’esclusiva reunion finale degli storici membri del cast. George R. R. Martin, intanto, è ancora al lavoro su The Winds of Winter, il sesto dei sette libri che completeranno le sue Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, da cui è nata la serie di David Benioff e D. B. Weiss – e chissà se alla fine i romanzi avranno lo stesso impatto del finale della serie.

Ma quello che forse non sapete è che Emilia Clarke ci ha regalato anche altre interpretazioni altrettanto emozionanti.

Io prima di te, 2016

Emilia Clarke
Emilia Clarke e Sam Claflin in una scena del film.

“Vivi con coraggio. Vivi bene. Ma vivi.”

La mia commedia romantica strappalacrime preferita. Tratto dal best-seller scritto da Jojo Moyes, una straordinaria Emilia Clarke interpreta Louisa Clark, mentre ad interpretare il protagonista maschile è Sam Claflin.

A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell’autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale, pur di dare una mano alla sua famiglia. Non si è mai mossa dal piccolo paesino nella campagna inglese in cui vive. È fidanzata da sette anni con lo stesso ragazzo, che non le dà le giuste attenzioni e di cui in fondo non è follemente innamorata. Ma sta per perdere il lavoro, e tutte le sue certezze stanno per essere messe a repentaglio.

D’altro canto, Will Traynor, ormai trentunenne, sa che la sua vita non sarà più la stessa dopo che l’incidente in cui è rimasto coinvolto l’ha costretto a stare su una sedia a rotelle. Ha perso ormai la voglia di vivere, era un uomo d’azione e non potrà più esserlo. Quello che non sa è che Lou sta per piombare nella sua quotidianità per potere un’ondata di stravaganza e giovinezza.

“Così stanno le cose. Sei scolpita nel mio cuore, Clark, fin dal primo giorno in cui sei arrivata con i tuoi abiti ridicoli, le tue terribili battute e la tua totale incapacità di nascondere ogni tua emozione. Tu mi hai cambiato la vita…”

È straordinariamente illuminante come il tema dell’eutanasia venga trattato con una tale gentilezza. Nonostante a non conoscere la loro storia in un libro altrettanto commovente o a non aver mai visto il film siano ancora in molti, in Io prima di te c’è una lezione di vita non indifferente, anzi forse due.

Spesso ci sforziamo di credere che le persone possano cambiare, e a volte magari succede, ma quando queste si rivelano per essere esattamente così come sono non ci resta che amarle incondizionatamente.

Io prima di te ci ha insegnato anche ad avere coraggio, a non mollare e che spesso una bella parola o un sorriso possono trasformare una giornata altrimenti buia in una degna di essere vissuta.

Last Christmas, 2019

Emilia Clarke
Emilia Clarke e Henry Golding in una scena del film.

Il titolo è di per sé un omaggio ad una delle canzoni più belle di Natale, quella omonima degli Wham.

Il film è ambientato nella capitale britannica a pochi giorni da Natale.

Kate, giovane abbonata alle scelte sbagliate, accetta un impiego come aiutante di Babbo Natale in un grande magazzino. Qui conosce Tom, e la sua vita compie una improvvisa svolta grazie a lui.

Si tratta di un film piuttosto recente quindi non possiamo raccontarvi di più senza rovinarvi la sorpresa.

Per quanto riguarda i prossimi impegni di Emilia Clarke, dopo aver partecipato ad una raccolta fondi contro l’emergenza Coronavirus, alcuni rumors la vedono come la prossima Bond Girl al fianco di Daniel Craig… staremo a vedere!

Tamara Santoro
Previous

Allora in Onda con Marco Marzocca, Stefano Sarcinelli e Emanuela Fanelli torna su Rai Premium

Ensi e il rap di ieri che vince anche “Oggi”

Next

Un commento su “Emilia Clarke, compie 34 anni la madre dei draghi”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial