Lupin, “Questa è la storia di un ladro, ma non un ladro qualunque”

| | ,

Omar Sy diventa il perfetto ladro gentiluomo in questa nuova serie Netflix.

Lupin

Lupin è una serie televisiva francese del 2020 prodotta da Gaumont e pubblicata su Netflix, il protagonista non è Lupin stesso ma un ragazzo ispirato dall’opera cartacea di Leblanc del ladro gentiluomo. Omar Sy è Assane Diop, un uomo che da piccolo ha perso il padre per colpa di un complotto, diventato adulto decide di vendicarsi prendendo ad esempio il celebre ladro francese.

Tra una rapina rocambolesca ed atre avventure dà la caccia alla verità per vendicare il padre e dimostrare l’innocenza dell’uomo, in tutto e per tutto Assane si ispira a Lupin, infatti ogni sua azione o gesta è basate sui racconti del famoso ladro. La polizia darà il via ad una vera a propria caccia all’uomo.

Lupin è una serie televisiva che celebra la grandezza dei libri.

Lupin, “Questa è la storia di un ladro, ma non un ladro qualunque” 1

Il famoso ladro francese non compare mai nella serie tv ma è comunque onnipresente, ogni azione e reazione del giovane ladro sono ispirate dalle opere cartacee del grande Arsenio. Assane infatti è molto affezionato ad un libro di Lupin donatogli dal padre prima di morire, su questo libro sono presenti tutti i trucchi che poi il protagonista userà nel corso della serie per le sui incredibili imprese.

Nonostante la serie tv sia ambientata nei nostri giorni le tecniche di Lupin non risultano mai antiche o obsolete, anzi permettono al protagonista di stare sempre tre passi avanti rispetto ai propri avversari di turno.

La serie è scritta in modo geniale, svecchia e rende contemporaneo un personaggio degli inizi del Novecento, il tutto senza mai scadere in citazioni banali o idee semplicistiche. Insomma se il personaggio di Leblanc fosse veramente esistito nei nostri giorni probabilmente si sarebbe comportato come il protagonista di Lupin.

Lupin è una serie che conosce i propri punti di forza e li esalta in ogni modo.

Lupin, “Questa è la storia di un ladro, ma non un ladro qualunque” 2

La serie francese presenta una regia sempre limpida e con qualche guizzo nel corso dei cinque episodi, essendo ispirata al ladro gentiluomo abbiamo diverse scene spettacolari nel corso della serie, senza mai però scadere nel banale o nell’esagerato: tutto ciò che succede sullo schermo è credibile in ogni ciak e ripresa.

Lupin non gode di un grande budget ma la verità è che non ne ha bisogno, non si perde in effetti speciali inutili o costosi, tutto ciò che succede è perfettamente contestualizzato al mondo reale. Certo le imprese di Assane sfiorano l’impossibile ma ciò che succede sullo schermo è sempre credibile e non lascia mai perplesso in nessun momento.

L’unico difetto che ho trovato in questi cinque episodi sono i personaggi comprimari, non vengono approfonditi in maniera credibile, tutti hanno una parte nella storia ma il tutto si limita a quello, quando non servono più alla logica della narrazione quasi scompaiono del tutto.

Il vero punto di forza di Lupin è il suo protagonista.

Lupin, “Questa è la storia di un ladro, ma non un ladro qualunque” 3

Se i comprimari sono l’unico vero difetto che ho trovato, il protagonista rappresenta il punto di forza totale dell’intera serie tv. Omar Sy, divenuto celebre al grande pubblico per Quasi amici, è un attore incredibile ed in questa serie lui prende le redini dal primo episodio fino all’ultimo.

Nonostante la bidimensionalità dei comprimari, Assan brilla, non tanto di scrittura quanto piuttosto dell’interpretazione di Omar: quando il protagonista è sullo schermo prende tutta la scena e arriva a bucare lo schermo stesso.

Il perfetto ladro gentiluomo viene portato sullo schermo da un attore dalle incredibili doti interpretative che riesce a dare credibilità ad un personaggio che non avrebbe modo di esistere nell’epoca in cui viviamo.

Lupin è una serie tv vivamente consigliata a tutti, risulta un prodotto non perfetto ma comunque molto godibile, se cercate le avventure di un ladro gentiluomo non rimarrete di certo delusi.

Potrebbe interessarti anche: https://shockwavemagazine.it/cinema-serietv/the-mandalorian-star-wars/

Gianmarco Mei
Previous

Mina: da domani in edicola uno dei suoi album più celebri

700 anni per Dante: Poietika tra le 41 rassegne di “Piazza Dante. #Festivalinrete”

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial