Elisabetta II, una vita che sembra una fiaba

| |

Di Sua Altezza Reale Elisabetta II regina d’Inghilterra si è detto e scritto molto e molto ancora si racconterà di una delle sovrane più rilevanti della storia, nonché sovrana più longeva del mondo.

C’era una volta una piccola bambina, dolcemente chiamata Lilibet, figlia di Albert, duca di York, e nipote di un certo re Edoardo VIII. La timida Lilibet avrebbe passato una vita da principessa se non fosse stato che lo zio, re di Gran Bretagna, d’Irlanda e imperatore d’India, dopo 26 anni di reggenza rinunciò alla Corona per amore di un’americana divorziata, passando così l’arduo compito al fratello.

Ecco che la vita di una principessa, seppur importante, ma libera dalle responsabilità, viene posta sotto i riflettori del mondo. La sua vita cambia per sempre il giorno della scomparsa di suo padre, avvenuta il 6 febbraio 1952, che ne determina ufficialmente la successione al trono segnata dall’incoronazione, per la prima volta in mondo visione, avvenuta il 2 giugno 1953.

Elisabetta II, una vita che sembra una fiaba 1
Incoronazione Regina Elisabetta II.

All’età di 25 anni, Elisabetta viene incoronata nell’Abbazia di Westminster, uno dei siti patrimonio dell’UNESCO. L’Inghilterra ha finalmente una regina, dopo quattro sovrani uomini. Era dai tempi della regina Vittoria che il popolo inglese non recitava la celebre frase “God save the Queen”. Dopo di lei saranno incoronati altri due re: suo figlio Carlo, principe del Galles, e a seguire il figlio di Carlo, il primogenito William, duca di Cambridge.

Quella che sembra una favola, in realtà ha avuto momenti di tribolazione sotto molti aspetti. Vita privata e vita pubblica si intrecciano con le responsabilità legate alla Corona. La regina Elisabetta è per tutto il suo popolo da anni esempio di rettitudine e colonna vertebrale di un Paese che ha avuto lei come sovrana durante guerre, crisi economiche, crisi di governo e che, nonostante i numerosi scandali che hanno visto coinvolti figli e nipoti, non smette di amare Sua Maestà.

Elisabetta II, una vita che sembra una fiaba 2
La regina Elisabetta II con la corona britannica.
  • Elisabetta II è britannica al 100% il che la rende conservatrice senza cadere nella trappola dell’immagine di una Monarchia antica e non al passo con i tempi. A renderla “moderna” sono state alcune delle sue decisioni contro corrente come quella di appoggiare le nozze del figlio Carlo con Camilla Parker Bowles, divorziata e non troppo amata dai sovrani (la storia del triangolo amoroso tra Carlo, Diana e Camilla ormai è storia);
  • Lo stesso è accaduto con il nipote Harry, che ha avuto la benedizione della nonna per le nozze con Megan Markle, già precedentemente sposata e divorziata;
  • Regna ma non governa. Nonostante questo, non ha saltato neanche una delle sue riunioni settimanali con i Primi Ministri che si sono succeduti durante tutta la sua reggenza;
  • Nasce ai tempi dell’Impero e oggi è capo del Commonwealth;
  • Ha partecipato insieme al nipote Harry alla pubblcità degli Invictus Games del 2016. Un video di 40 secondi che ha sbalordito tutti;
  • Per stare al passo con i tempi non poteva mancare il suo approdo in Internet nel 1976 con la prima email mandata da una base dell’esercito e con il lancio del sito ufficiale Britith Monarchy nel 1997 e dal 2009 la sua entrata sui social con profili Twitter;
  • Secondo le dichiarazioni di Harry in una delle sue ultime interviste, la regina sarebbe a proprio agio anche nell’uso di Skype per vedere il pronipote Archie.

Abiti coloratissimi, elegante in ogni occasione, mai sotto tono, cortese con ogni esponente politico senza manifestare preferenze o antipatie. Sua Maestà la regina Elisabetta è una sovrana invidiabile. Ora che secondo indiscrezioni parrebbe abbia la volontà di ritirarsi nel castello di Balmoral dopo la recente scomparsa del marito, il principe Filippo, vedremo sempre meno la sovrana, che non sembra avere intenzione di abdicare, ma che comincerà a dare incarichi sempre più di rilievo a Carlo, prossimo re d’Inghilterra.

In attesa dell’annuale festeggiamento che ha luogo un mese e mezzo dopo l’effettivo giorno del compleanno, la redazione augura a Sua Maestà un buon compleanno nonostante il difficile momento. E che Dio salvi la Regina!

Previous

Joan Miró (1893-1983): un Carnevale di costellazioni surrealiste

Lady Bird, le difficoltà dell’adolescenza [Recensione]

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial