Bari, la città natale di Lolita Lobosco

| |

Soprannominata “la perla della Puglia”, Bari è un po’ la città che parla al mare e riesce a catturare gli occhi dei viaggiatori con il suo fascino e il palato dei turisti con il suo street food e i ristoranti tipici pugliesi.

Se Bari è la perla della Puglia, la Puglia è la perla del Sud. D’altronde vi avevamo già parlato di questa splendida regione in precedenza, ma visto che Bari è la protagonista assoluta di una recente fiction Rai, Le indagini di Lolita Lobosco, abbiamo pensato che meritasse un approfondimento tutto suo.

Vicequestore di polizia, Lolita Lobosco torna nella sua Bari per dirigere una squadra di soli uomini. In un mondo ostinatamente governato dai maschi, Lolita sceglie di restare sé stessa senza reprimere il suo fascino e la sua bellezza, anzi usa queste sue doti per affermarsi e combattere i pregiudizi. Tutto questo con l’aiuto dei suoi fidati colleghi.

Innanzitutto, una volta arrivati a Bari preparatevi ad allenare le papille gustative perché non approfitterete soltanto delle meraviglie della natura ma anche delle prelibatezze enogastronomiche. Da non perdere sono i panzerotti fritti, il pesce crudo (dopotutto è una città di mare), la purea di fave, il prosciutto crudo alla barese (a dadini con olio, sale e pepe) e le orecchiette con le cime di rapa. 

Noi di Shockwave Magazine abbiamo selezionato 10 attrazioni che dovrete assolutamente visitare quando ci sarà permesso di tornare a viaggiare e di ammirare la bellezza di Bari.

Basilica di San Nicola

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 1

La Basilica di San Nicola è la prima meta da raggiungere nel cuore della città vecchia di Bari a pochi metri dal mare. Si tratta di uno degli esempi più significativi di architettura del romanico pugliese. Al suo interno vengono custodite le reliquie di San Nicola, portate da sessantadue marinai baresi il 9 maggio 1087. Per di più un altro evento più unico che raro è protagonista di questa chiesa: la convivenza di due religioni, cristiana ed ortodossa.

Bari Vecchia

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 2

Questo quartiere di Bari viene nominato spesso in Le indagini di Lolita Lobosco e può essere definito come un crocevia tra vecchio e nuovo, tra il lungomare e il centro storico.

Addentrandosi in questo labirinto di vicoli sembra che il tempo non sia passato: sugli usci stanno le donne che preparano le celebri orecchiette sugli spianatoi armate soltanto di acqua, semola e coltelli, le case sono addossate le une alle altre e ad ogni angolo ci sono chiese, monumenti e scorci sul mare.

Cattedrale di San Sabino

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 3

La Cattedrale di San Sabino è custodita nel cuore di Bari Vecchia con le sue linee architettoniche romanico-pugliese che richiamano quelle della Basilica di San Nicola. Cattedrale piena di storia, di fede, di arte e di magia.

Il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, si manifesta qualcosa d’incredibile: i raggi del sole, proveniente dal rosone sulla facciata centrale, penetrano nella cattedrale e illuminano con 18 petali il rosone identico in marmo presente sulla pavimentazione della navata.

Castello Svevo di Bari

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 4

Il Castello Normammo-Svevo si trova tra la zona vecchia e il mare, in posizione strategica come se volesse fare da guardiano alla città. La struttura è irregolare, dovuto al fatto nel corso della storia si è adattato alle varie culture, ed è proprio questo che lo rende ancora più bello.

Fu infatti edificato dai normanni, distrutto e ricostruito da Federico II di Svevia, nel 1500 viene fortificato con una cinta bastionata ed un ampio fossato solo su tre lati perché il quarto era bagnato dal mare. Trasformato in carcere e in caserma nell’Ottocento, oggi alcune stanze sono aperte al pubblico e ospitano mostre. Un luogo ideale per vivere all’interno un’atmosfera rinascimentale.

Teatro Petruzzelli

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 5

Costruito dai fratelli Petruzzelli, commercianti e armatori di origine triestina, il Teatro Petruzzelli continua a essere, dal 1903, uno dei contenitori culturali più eleganti della città di Bari.

Il maestoso Teatro Petruzzelli si affaccia su Corso Cavour ed è quarto teatro italiano per dimensioni. Dopo il rovinoso incendio del 1991 è stato ricostruito con attenzione riportando gli interni e tutti gli elementi decorativi al loro splendore. Tempio della musica classica e lirica, oggi il Teatro si apre ai musical e ai concerti dei grandi artisti internazionali e nazionali di musica leggera e rock.

Palazzo dell’Acquedotto

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 6

Alle spalle del Teatro Petruzzelli, il “Palazzo dell’Acqua” è patrimonio della Puglia e dei pugliesi e sede attuale dell’Acquedotto Pugliese. Costruito dal 1925 al 1935, in perfetto stile romanico-pugliese, troviamo sulla facciata esterna decori in pietra di Trani e all’interno pregiati affreschi e decorazioni pittoriche.

Lungomare di Bari

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 7

Il lungomare di Bari fu inaugurato nel 1927 in epoca fascista: al di là delle ideologie politiche, oggi è una delle passeggiate celebri della città e un’occasione unica per ammirare con un colpo d’occhio una serie di palazzi in stile tardo Liberty, e allo stesso tempo respirare la brezza marina di Bari, prendendo esempio proprio da Lolita Lobosco che quando ha un attimo di tempo ne approfitta per farsi una bella corsetta.

La parte di lungomare più nota comprende Via Imperatore Augusto, Via Araldo di Crollalanza e Via Nazario Sauro, dal porto nuovo al porto vecchio.

Muraglia e Fortino di Sant’Antonio

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 8

Il punto più alto della Muraglia è rappresentato dal Fortino di Sant’Antonio Abate eretto per scopi difensivi e oggi usato per eventi culturali. La Muraglia offre ai passanti la possibilità di ammirare un panorama emozionante e sensazioni uniche soprattutto al tramonto. A destra ammiriamo il Lungomare Nazario Sauro con i suoi maestosi edifici e la Torre dell’Orologio del Palazzo della Provincia, dedicato ai Martiri della Grande Guerra e della Rivoluzione Fascista. A sinistra, la Muraglia segue il perimetro del borgo antico e termina nelle vicinanze dell’area portuale.

Chiesa Russa

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 9

Nella moderna e caotica periferia di Bari, in via Benedetto Croce, oltre la Stazione Centrale e il Quartiere Murattiano, troviamo la Chiesa Russa. Alte e colorate cupole segnano la strada ai visitatori verso una profonda spiritualità e religiosità antica e lontana. La chiesa è dedicata a San Nicola ed è stata costruita nel XX secolo per volere della Società Imperiale Ortodossa di Palestina.

Fiera del Levante

Bari, la città natale di Lolita Lobosco 10

Situato su Lungomare Starita, la Fiera del Levante, contenitore culturale e commerciale contemporaneo di Bari, ospita al suo interno The Hub (l’innovativo spazio di co-working), La Fondazione Apulia Film Commission (promuove lo sviluppo della cultura cinematografica nel territorio regionale) e Eataly. Sede di una delle principali fiere italiane e del Mediterraneo “La campionaria di settembre”, nasce nel 1929 per volere del Comune di Bari, dell’Amministrazione Provinciale e della Camera del Commercio di Bari.

Tamara Santoro
Previous

Sottobosco Internazionale: Maggio

GENERAZIONE 56K – Da luglio su Netflix

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial