Skam Italia: come raccontare l’adolescenza

| | ,

L’adolescenza ai tempi odierni, condita di tutti i problemi tipici di uno dei periodi più caotici della vita: Skam Italia racconta tutto ciò in maniera estremamente realistica.

Nata nel 2018 da un’idea di Ludovico Bessegato e prodotta dalla Cross Productions, Skam Italia è stata inizialmente trasmessa su TIMvision per poi approdare nell’anno corrente su Netflix. La webserie è l’adattamento dell’omonimo show norvegese che, dopo il suo successo, ha dato vita a tanti altri riadattamenti in paesi come la Germania (Druck), la Francia (Skam France), gli Stati Uniti (Skam Austin), la Spagna (Skam España) e i Paesi Bassi (Skam NL).

Il cast italiano vede la presenza di giovani attori emergenti tra cui Ludovica Martino (Eva), Benedetta Gargari (Eleonora), Greta Ragusa (Silvia), Beatrice Bruschi (Sana), Martina Lelio (Federica), Federico Cesari (Martino), Ludovico Tersigni (Giovanni), Rocco Fasano (Niccolò), Francesco Centorame (Elia), Nicholas Zerbini (Luca) e Giancarlo Commare (Edoardo).

Skam Italia: come raccontare l'adolescenza 1

Nel format italiano le vicende narrate si svolgono a Roma in un arco di tempo tra il 2018 e il 2019.

Ognuna delle quattro stagioni su cui è incentrato Skam si sofferma su un personaggio specifico. L’intera storia parte dal focus su Eva Brighi, studentessa delle superiori, e su come stringe amicizia con quelle che diventeranno le sue inseparabili migliori amiche: Silvia, Federica, Eleonora e Sana.

Eva

ha una relazione con Giovanni che naviga tra paranoie ed incertezze varie. Il loro rapporto è nato da un evento controversiale in quanto Giovanni era il fidanzato di Laura (Antonia Fotaras), all’epoca migliore amica di Eva. Dopo il suddetto evento, le due diventano acerrime nemiche.

Martino

è il protagonista della seconda stagione di Skam, nella quale capirà di essere omosessuale e di essere attratto da Niccolò, apparentemente eterosessuale. Sarà il tempo a riservargli sorprese e a fargli fronteggiare un problema inaspettato: Niccolò, infatti, soffre di disturbo borderline della personalità.

Eleonora

dovrà fare i conti, nella terza stagione, con una decisione che contrappone due sfere per lei inconciliabili: amore e amicizia. Si ritrova in una situazione scomoda, infatti, nel momento in cui capisce di essere innamorata di Edoardo, ragazzo che un anno prima ha illuso e maltrattato Silvia, una delle migliori amiche di lei.

Sana

monopolizza la quarta stagione di Skam e la sua storia affronta temi più spinosi, tra cui la religione e la discriminazione che lei stessa subisce a causa di essa. In più, le cose per lei si complicano quando s’innamora di Malik (Mehdi Meskar), ragazzo musulmano che ha recentemente abbandonato la religione – e ciò, secondo i dettami islamici, renderebbe la loro frequentazione impossibile.

Skam Italia: come raccontare l'adolescenza 2

Skam Italia: punti di forza e punti deboli

Per molti dettagli e situazioni, Skam Italia è lontano dalle situazioni stereotipate dei tradizionali teen drama. Le vicende mostrate non sono straordinarie, sono assenti colpi di scena particolari e tutto ciò che vediamo nella serie potrebbe tranquillamente succedere anche nel mondo reale.              
Il caotico periodo adolescenziale è rappresentato in Skam con un realismo ammirevole nella maggior parte delle scene, grazie a personaggi che non sono preconfezionati e che sanno mettere in evidenza le emozioni tipiche in quel periodo di piena tempesta ormonale. I personaggi non brillano d’intelligenza – non tutti, almeno – e questo è in linea con l’impulsività tipica adolescenziale, unita alle singole condizioni di ciascuno.

Con uno stile molto semplice e lineare e grazie anche alla breve durata di venti minuti di ogni episodio, Skam Italia vanta una certa scorrevolezza e non è una serie particolarmente impegnativa.

Molto spesso si osservano nei vari episodi anche le chat di WhatsApp contenenti le conversazioni tra i vari personaggi della serie. Inizialmente queste furono pubblicate sul sito ufficiale di Skam Italia, chiuso in contemporanea all’annuncio della sua terza stagione; attualmente sono disponibili sulla pagina Instagram ufficiale della serie.

Skam Italia, però, avrebbe potuto dare un po’ di più.

Complice la breve durata e l’altrettanto breve numero degli episodi, Skam Italia lascia intravedere in determinati punti una modesta quantità di potenziale non sfruttato. Alcuni avvenimenti e contesti avrebbero potuto essere approfonditi, aggiungendo un tocco in più alla serie. Sarebbe stato interessante, ad esempio, una focalizzazione maggiore sulle condizioni famigliari di ognuno dei protagonisti che avrebbe contribuito ad esplicare ancora meglio le cause dei loro comportamenti e le loro personalità.

Piccole imperfezioni a parte, Skam Italia rimane una serie piacevole e degna di essere guardata.
Attualmente non si hanno notizie certe sull’eventualità di una quinta stagione e si presume che la questione, nel caso si realizzi, possa protrarsi per le lunghe, viste le condizioni rese difficili dall’emergenza coronavirus.

Previous

Giffoni50: Il programma serale alla YARIS Arena

European Film Awards 2020: Martin Eden, Favolacce e Volevo Nascondermi selezionati agli Oscar europei

Next

Un commento su “Skam Italia: come raccontare l’adolescenza”

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial