Oscar 2021, il trionfo del politicamente corretto: Chloé Zhao nella storia. Italia a digiuno

| |

Tra stravolgimenti della scaletta, sorprese e conferme, gli Oscar 2021 hanno visto trionfare Nomadland e premiare il grande assente della notte più lunga del cinema Anthony Hopkins. Niente da fare per Laura Pausini e Pinocchio.

La 93° edizione degli Academy Awards parte con Regina King alla Union Station di Los Angeles a fare gli onori di casa. Niente Dolby Teather per gli Oscar 2021, ma una cornice più intima con i candidati seduti intorno ai tavolini. A conquistare la prima statuetta è Emerald Fennell per la sceneggiatura originale di Una donna promettente, mentre per la sceneggiatura non originale il premio va al francese Florian Zeller e all’inglese Christopher Hampton, autori dell’adattamento cinematografico di Le Père.

Laura Dern, dopo un omaggio a La Strada di Federico Fellini “ero troppo piccola per leggere i sottotitoli, ma mia mamma ci teneva che io guardassi la performance di Giulietta Masina. È il primo film a vincere nella categoria di film straniero”, annuncia il vincitore dell’Oscar come miglior film straniero, che vince Un altro giro del danese Thomas Vinterberg. E’ sempre la vincitrice dell’Oscar nel 2020 a premiare il miglior attore non protagonista, Daniel Kaluuya per la sua interpretazione in Judas and the Black Messiah.

Oscar 2021, il trionfo del politicamente corretto: Chloé Zhao nella storia. Italia a digiuno 1
Glenn Close
(Chris Pizzello-Pool/Getty Images)

Niente Oscar 2021 per l’Italia per quanto riguarda il trucco e parrucco e poi i costumi. Infatti, entrambe le statuette sono andate a Ma Rainey’s Black Bottom, il film con Viola Davis che racconta la vita della cantante blues Ma Rainey. Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal e Jamika Wilson hanno vinto per il miglior trucco e parrucco, mentre la 90enne Ann Roth ha conquistato la statuetta per i migliori costumi, la donna più anziana ad aver mai vinto un Academy.

Alle ore 3.00 italiane, arriva l’annuncio di uno dei premi più importanti della serata. E’ Bong Joon-ho, vincitore nel 2020 con Parasite, a rivelare a chi va l’Oscar 2021 alla miglior regia. A conquistare la statuetta è Chloé Zhao per il film Nomadland. Zhao è la prima donna di origine asiatica e solo la seconda donna nella storia degli Academy a vincere il premio. “Questo Oscar è per tutti quelli che hanno fede e coraggio a tener fede alla bontà in sé stessi e negli altri nonostante le difficoltà”, ha detto.

Oscar 2021, il trionfo del politicamente corretto: Chloé Zhao nella storia. Italia a digiuno 2
Daniel Kaluuya
(AP Photo/Chris Pizzello, Pool)

Dopo aver citato Federico Fellini (il secondo omaggio per il regista italiano), Riz Ahmed premia il film di cui è protagonista Sound of Metal come vincitore dell’Oscar 2021 per il miglior sonoro. Per quanto riguarda il miglior cortometraggio, a vincere la statuetta è Due estranei di Travon Free e Martin Desmond Roe.

E’ Reese Witherspoon che annuncia l’Oscar 2021 per il miglior cortometraggio d’animazione che se lo aggiudica Se succede qualcosa, vi voglio bene di Michael Govier e Will McCorma. Mentre l’attrice annuncia che il miglior film d’animazione è Soul di Pete Docter, che conquista il suo terzo Academy Awards.

Il premio al miglior corto-documentario, invece, è stato consegnato a Colette di Anthony Giacchino e Alice Doyard. L’Oscar al miglior documentario va a Il mio amico in fondo al mare di Craig Foster, Pippa Ehrlich e James Reed. Mentre è Steven Yeun ad annunciare il premio ai migliori effetti speciali che va a Tenet.

Oscar 2021, il trionfo del politicamente corretto: Chloé Zhao nella storia. Italia a digiuno 3
Laura Pausini
(Chris Pizzello-Pool/Getty Images)

E’ Brad Pitt che ha il compito di annunciare il premio Oscar 2021 come miglior attrice non protagonista, che va alla coreana Youn Yuh-Jung per la sua interpretazione nel film Minari, che si mostra entusiasta per la conoscenza di Pitt. Ancora una volta Glenn Close, dopo 8 candidature agli Academy, rimane senza statuetta. Halle Berry annuncia che alla pellicola Mank vanno le statuette per la miglior scenografia e miglior fotografia. Harrison Ford rivela che la statuetta per il miglior montaggio va Sound of Metal, Mikkel E. G. Nielsen è il primo montatore scandinavo a ricevere prima una nomination e ora il premio.

A Zendaya spetta premiare le due categorie musicali: la statuetta alla miglior colonna sonora va a Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste per Soul, il film d’animazione Pixar. Mentre per la miglior canzone vince Fight for you di H.E.R., star del r&b contemporaneo, per il film Judas and the Black Messiah.

Spiazzando tutti, l’Oscar 2021 per il miglior film non viene consegnato alla fine, una scelta sicuramente discutibile. E’ Rita Moreno, storico volto di West Side Story, a proclamare che la statuetta per il miglior film va all’opera favoritissima Nomadland di Chloé Zhao.

Oscar 2021, il trionfo del politicamente corretto: Chloé Zhao nella storia. Italia a digiuno 4
Vanessa Kirby
(Chris Pizzello-Pool/Getty Images)

A Renée Zellweger tocca annunciare la miglior attrice protagonista, una delle categorie più combattute della serata. A vincere il premio è Frances McDormand per Nomadland, che conquista la sua terza statuetta come miglior interprete femminile. “Guardate il nostro film sullo schermo più grande possibile, e andate a vedere al cinema tutti i film presentati stasera”.

La sorpresa della notte più lunga del cinema mondiale arriva sul finale con Joaquin Phoenix che annuncia che il miglior attore protagonista è Anthony Hopkins per la sua interpretazione in The Father, l’attore non era in sala e nemmeno in collegamento, segno che sicuramente non si aspettava la statuetta che tutti pensavano andasse a Chadwick Boseman.

Isabella Insolia
Previous

From Tha Streets 2 Tha Suits: il nuovo album di Snoop Dogg è una lezione di Hip Hop

Chernobyl, 35 anni dal tragico incidente

Next

Lascia un commento

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial